Amazon a 1.000 mld dlr capitalizzazione
Economia
4 Settembre Set 2018 2025 04 settembre 2018

Amazon ha raggiunto Apple nel club dei mille miliardi

Il gruppo di Jeff Bezos vola in Borsa. Da piccola libreria online a colosso dell'ecommerce, è la seconda società a tagliare questo traguardo.

  • ...

Continua la scalata di Amazon a Wall Street. La società fondata da Jeff Bezos ha raggiunto i mille miliardi di capitalizzazione, con una valutazione dei titoli pari a 2.050,27 dollari, ripiegando successivamente a 988,8 miliardi. Il colosso dell’e-commerce ha incassato il risultato esattamente un mese dopo Apple, finora l’unica società ad aver tagliato il plurimiliardario traguardo.

DA UN GARAGE DI SEATTLE AL RECORD A WALL STREET

La società negli ultimi 12 mesi ha i visto i suoi titoli raddoppiare: da gennaio 2018 le azioni sono salite del 75%, incrementando il valore dell’impresa di 435 miliardi di dollari. Fondata nel 1994 in un garage di Seattle come una piccola libreria online, Amazon Inc. oggi può vantare oltre 200 miliardi di dollari di vendite annuali e più di 575 mila dipendenti. Dopo un esordio in Borsa nel 1997 non proprio felice, con una valutazione della società pari a 438 milioni, e lo scampato pericolo della bolla dotcom, grazie a un bond convertibile da 672 milioni di dollari, il colosso ha conosciuto, negli ultimi anni, una sensibile accelerazione.

BEZOS È L'UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO

Dal 2015 il valore dei titoli è triplicato fino a raggiungere il record dei mille miliardi e grazie alla sua creatura, Bezos è oggi l’uomo più ricco del mondo: il suo 16% nel gruppo vale circa 160 miliardi. Ma questa corsa non sembra assolutamente destinata ad arrestarsi: oltre ai tentativi di rivoluzione della sanità americana, al momento, l’azienda sta cercando di affermarsi nel settore della raccolta pubblicitaria online, mettendo a rischio il primato di Google e Facebook. E secondo alcune indiscrezioni avrebbe anche intenzione di stringere accordi con Hollywood per finanziare la realizzazione di alcuni film, tentando così di detronizzare Netflix.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso