apple-irlanda-aiuti-fiscali-14-miliardi
Economia
7 Settembre Set 2018 2244 07 settembre 2018

I dazi alla Cina colpiscono i prodotti Apple

La minaccia di Trump avrebbe effetti sui costi dell'AppleWatch o dell'HomePod, dice Cupertino. E le sue azioni crollano in Borsa. 

  • ...

Donald Trump minaccia dazi alla Cina per 267 miliardi e a Wall Street crolla il titolo di Apple. I proposti dazi al 25% su 200 miliardi di dollari di made in China avrebbero, infatti, un impatto su un'ampia gamma di prodotti della Mela: dagli Apple Watch agli AirPod, dalla penna Apple ai Mac Mini passando per l'HomePod. A dirlo è stata proprio la società di Cupertino in una lettera all'amministrazione Usa che però ha avuto come effetto collaterale il calo in Borsa delle sue azioni. I titoli di Cupertino hanno perso lo 0,59%. L'azienda che fu di Steve Jobs ha anche ammesso che i costi dei prodotti nella lista inclusa nella lettera aumenterebbero. «Il nostro timore è che gli Stati Uniti saranno i più colpiti da queste dazi, e questo si tradurrà in una più bassa crescita, in una minore competitività e in prezzi più alti per i consumatori americani», ha affermato Apple. All'appello hanno partecipato alcune delle maggiori aziende tecnologiche americane - fra i quali Cisco e Hewlett-Packard - che hanno invitato Trump a fare un passo indietro. E a preoccupare i big è non solo l'aumento dei costi ma soprattutto le ritorsioni della Cina, un mercato enorme e ambito da tutte le grandi aziende statunitensi. I dazi «sono controproducenti e finora si sono tradotti solo in un aumento dei costi per le aziende americane, per gli agricoltori, per gli importatori, per gli esportatori e per i consumatori», è scritto nella missiva indirizzata al rappresentante americano per il commercio, Robert Lighthizer, alla scadenza del termine per la consultazione pubblica sui dazi alla Cina. Ma il presidente sembra andare dritto perl a sua strada.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso