Pensioni Ape Social Quota 100
Economia
11 Ottobre Ott 2018 1346 11 ottobre 2018

Eurostat dice che gli italiani lavorano meno di tutti

Mentre il nostro Paese discute di riforma della Fornero, i dati mostrano che il periodo che va dalla fine degli studi alla pensione è il più breve di tutta Europa: 31,6 anni contro gli oltre 40 dell'Olanda.

  • ...

Mentre in Italia si discute di riforma della legge Fornero e della possibilità di abbassare l'età pensionabile, puntuale arriva una statistica di Eurostat (in realtà la pubblicazione è periodica e non legata alle contingenze italiane) che spiega come, in realtà, già oggi nel nostro Paese si lavori meno anni che nel resto d'Europa. Lo racconta un grafico che riproduciamo qui sotto, pubblicato l'11 ottobre sul sito di Eurostat, in cui viene riportata l'aspettativa di vita lavorativa. L'aspettativa di vita lavorativa è definita come la stima degli anni di attività di un giovane di 15 anni, ovvero per quanti anni sarà impiegato o cercherà lavoro. Sono quindi compresi occupati e disoccupati, ma esclusi pensionati e studenti.

L'eccezione italiana, che è già stata riscontrata in altre analisi degli anni precedenti, è dovuta essenzialmente a tre ragioni concomitanti. La prima è dovuta al fatto che i ragazzi e le ragazze italiane entrano al lavoro molto più tardi che nel resto d'Europa, in alcuni casi per il prolungamento degli studi. Il secondo fattore è la flessibilità delle leggi in materia di pensioni: l'età teorica in cui si ottiene l'assegno è molto più alta di quella effettiva a causa di deroghe e casi eccezionali che si sono accumulati negli anni. Infine, pesa sull'Italia il gap tra uomini e donne. L'aspettativa di vita lavorativa degli italiani è 31,6 anni. Per i maschi 36,2, per le donne 26,8. In Germania l'età lavorativa è 38,4 anni. In Olanda oltre 40. L'economista Francesco Seghezzi, in un post su Facebook, ha commentato: «La priorità per essere competitivi è ridurre l'età pensionabile? Nuovi dati Eurostat sembrano suggerire di no. Meglio lavorare per la sostenibilità del lavoro nel tempo, visto che è possibile, a quanto pare». La media degli anni di lavoro attesi è cresciuta negli ultimi 17 anni in tutta Europa (tre anni nell'Ue a 28 da 32,9 anni a 35,9, oltre tre anni nell'area Euro a 35,6 anni) mentre in Italia si registra un aumento di 3,1 anni. Rispetto al 2016 l'aumento della vita lavorativa attesa è di 0,3 anni in Italia, in linea con l'Ue a 28 mentre nell'area Euro la crescita è di 0,2 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso