Carlo Messina Intesa San Paolo
Economia
29 Ottobre Ott 2018 1352 29 ottobre 2018

Carlo Messina di Intesa Sanpaolo è tra i migliori banchieri d'Europa 2018

La rivista Harvard Business Review ha stilato la classifica annuale dei migliori Ceos: il capo del gruppo italiano è quarto al mondo e secondo nel Vecchio continente.

  • ...

Un successo italiano. Secondo la classifica stilata dalla Harvard Business Review, la prestigiosa rivista dell’Università statunitense di Harvard, il connazionale Carlo Messina – dal 29 settembre 2013 alla guida di Intesa Sanpaolo - è il quarto miglior banchiere al mondo e il secondo in Europa per l’anno 2018. La classifica (The Best Performing Ceo in the world 2018), valuta ogni anno i più brillanti amministratori delegati in un’ottica di lungo periodo, prendendo in considerazione le performance sia in termini di reddittività, sia secondo i parametri di sostenibilità ambientale, impatto sociale e governance.

Carlo Messina

Da quando il manager ha cominciato ad amministrare il gruppo bancario, sono stati raggiunti numerosi risultati. Nel Piano di Impresa 2014-2017 Carlo Messina ha puntato a posizionare il gruppo ai vertici europei in termini di reddittività, solidità, efficienza. Nel triennio, Intesa Sanpaolo ha erogato 10 miliardi di dividendi e ha avuto la migliore performance in Europa in termini di total shareholders return, ovvero di distribuzione di profitti e di crescita di capitalizzazione. La banca si è così posizionata tra le prime nell’Eurozona come valore di Borsa e ha visto crescere la presenza di investitori istituzionali internazionali dal 40 al 65%.

IL PIANO 2018-2021: PIÙ EFFICIENZA E INVESTIMENTI SUL SOCIALE

Per il triennio 2018-2021, Messina ha presentato un nuovo piano aziendale, che punta a confermare Intesa Sanpaolo come banca leader a livello europeo e a farla diventare un punto di riferimento per i valori di affidabilità ed efficienza. Il piano ha intenzione di far crescere i ricavi, con un significativo sviluppo di tutte le attività. Secondo il nuovo progetto si prevedono delle iniziative a forte impatto sociale grazie alla costituzione di un fondo da 1,25 miliardi di euro, da destinare a start-up, ricercatori, studenti e imprenditoria femminile. Si prevede inoltre un programma a sostegno di chi si trova in condizioni di difficoltà economica attraverso la distribuzione di 10.000 pasti al giorno, 6.000 posti letto al mese, 3.000 farmaci al mese. Infine, Intesa Sanpaolo si impegna a diffondere la conoscenza dell’arte e della cultura italiane, grazie a un patrimonio di oltre 20.000 opere e 3 musei che la banca condivide con le comunità di Milano, Vicenza e Napoli, al fine di promuovere lo sviluppo civile e culturale del Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso