Fca Conti Manley Fiat
Economia
30 Ottobre Ott 2018 1444 30 ottobre 2018

I conti di Fca nel primo trimestre post Marchionne

Confermati i target 2018: ricavi netti tra 115 e 118 miliardi di euro, ebit adjusted tra 7,5 e 8 miliardi di euro, utile netto adjusted di 5 miliardi di euro. Dividendo da 2 miliardi per la vendita di Marelli.

  • ...

I conti del terzo trimestre di Fca, primo periodo interamente sotto la guida del nuovo amministratore delegato Mike Manley dopo la morte di Sergio Marchionne, sono arrivati sul tavolo del consiglio di amministrazione convocato a Londra. L'azienda ha confermato i target 2018: ricavi netti tra 115 e 118 miliardi di euro, ebit adjusted tra 7,5 e 8 miliardi di euro, utile netto adjusted di 5 miliardi di euro, liquidità netta industriale tra 1,5 e 2 miliardi di euro, da 3,0 miliardi di euro. Fca ha chiuso il terzo trimestre con un utile netto a 564 milioni di euro, in calo del 38% (-33% a parità di cambi di conversione) per effetto di costi stimati in 0,7 miliardi di euro accantonati in relazione alle problematiche del diesel negli Stati Uniti. Vola invece l'utile netto adjusted pari a 1.396 milioni di euro, in rialzo del 51% (+54% a parità di cambi di conversione).

DIVIDENDO DA 2 MILIARDI PER LA MARELLI

La chiusura dell'operazione Magneti Marelli consentirà il pagamento di un dividendo straordinario di 2 miliardi di euro. È inoltre prevista la distribuzione di un dividendo annuale ordinario nella primavera del 2019, nella misura del 20% degli utili, come presentato lo scorso giugno al Capital Markets Day. La distribuzione dei dividendi è soggetta all'approvazione da parte del consiglio di amministrazione e dell'assemblea degli azionisti.

Cosa succede in Fca tre mesi dopo Marchionne

Economia Per una curiosa coincidenza, proprio negli stessi giorni in cui cadono i primi tre mesi dalla morte del Ceo di Fca Sergio Marchionne, l'Italia e il governo Conte devono fare i conti con l'eredità lasciata dal manager italo-canadese nel nostro Paese e non si annunciano buone notizie per i lavoratori.

MANLEY: FIDUCIA IN RECUPERO EUROPA

Durante la conference call, l'amministratore delegato Mike Manley, rispetto alle difficoltà in Europa, ha detto di aspettarsi «un miglioramento nei prossimi trimestri in Emea grazie alla nomina di Pietro Gorlier alla guida dell'area». «Gorlier - ha detto Manley - ha una storia di successo con i risultati raggiunti alla guida di Magneti Marelli e Mopar. E' già al lavoro nel suo nuovo ruolo». Manley ha spiegato che in Europa il gruppo ha sofferto il passaggio ai nuovi standard di omologazione Wltp (gli standard per le emissioni inquinanti) ma ora «tutte le nuove vetture prodotte in Europa rispettano la normativa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso