Spread Oggi Borsa Banche 31Ottobre
Economia
31 Ottobre Ott 2018 0842 31 ottobre 2018

Le quotazioni di spread e Borsa italiana del 31 ottobre 2018

Milano termina positiva (+0,27%) e il differenziale Btp-Bund in calo a 304 punti base. Seduta sofferta per Fca, deboli i titoli bancari. Listini europei in positivo. La cronaca della giornata dei mercati.

  • ...

Il giorno dopo le cattive notizie portate dall'Istat, con i dati sul Pil che hanno certificato la stagnazione dell'economia italiana (il 30 ottobre Milano aveva perso in chiusura di seduta lo 0,2%) la Borsa di Milano chiude in positivo la seduta del 31 ottobre con il Ftse Mib in rialzo dello 0,27% sopra la soglia dei 19 mila punti (19.050), e risente del clima positivo in Europa, dove tutte le altre piazze hanno guadagnato in maniera più decisa: Parigi +2,31%, Francoforte +1,41% e Londra +1,31% (leggi anche: Le quotazioni di spread e Borsa dell'1 novembre 2018).

SPREAD IN CALO A 304 PUNTI

Lo spread tra Btp e Bund chiude in calo a 304 punti base e il rendimento del titolo decennale italiano è al 3,42%. Vola a Piazza Affari Stm (+4%) in scia ai guadagni dei semiconduttori a Wall Street e in attesa dei conti della Apple. Bene anche Tenaris (+2,98%), Buzzi (+2,88%), Poste (+2,62%) e Leonardo (+2,2%). Tonica Cnh (+2,14%), mentre ha sofferto Fca (-2,2%) all'indomani di una trimestrale in chiaroscuro. Prese di beneficio su Recordati (-3,27%). Deboli bancari come Intesa (-1,96%), Banca Generali (-1,96%), Mps (-1,86%) e Bper (-0,83%). Fuori dal Ftse Mib scivola Gima TT (-7,59%), e indebolisce anche la controllante Ima (-5,61%).

BORSE ASIATICHE POSITIVE IN SCIA ALLE TRIMESTRALI

Effetto conti trimestrali per le principali Borse di Asia e Pacifico, guidate da Tokyo (+2,15%), che ha azzerato le perdite registrate nell'ultimo mese. Positive anche Taiwan (+2,9%), Seul (+0,74%) e Sidney (+0,43%), mentre sono in attesa di chiusura Hong Kong (+1,16%), Shanghai (+1,35%) e Mumbai (+0,32%). Positivi i futures sull'Europa e su Wall Street, nonostante il calo delle vendite al dettaglio registrato in Germania in settembre. In arrivo l'inflazione in Francia e in Italia, il Pil trimestrale della Spagna e la disoccupazione in Italia e nell'Ue. Dagli Usa sono previste invece le richieste settimanali di mutui e l'indice della fiducia dei direttori acquisti di Chicago. Migliori delle stime, sulla piazza di Tokyo, i conti trimestrali dei tecnologico Advantest (+12,91%) e Kyowa (+10,25%) e del vettore Nippon Express (+7,84%), insieme a quelli di Honda (+6,47%), che ha alzato anche le previsioni per l'intero esercizio, Tdk (+6,09%) e Sony (+4,74%).

L'ANDAMENTO DI BORSA E SPREAD IN TEMPO REALE​

18.24 - PIAZZA AFFARI CHIUDE POSITIVA: +0,27%

La Borsa di Milano chiude in positivo, con il Ftse Mib in rialzo dello 0,27% sopra la soglia dei 19mila punti (19.050), e risente del clima positivo in Europa, dove tutte le altre piazze hanno guadagnato in maniera più decisa: Parigi +2,31%, Francoforte +1,41% e Londra +1,31%. Lo spread tra Btp e Bund chiude in calo a 304 punti base e il rendimento del titolo decennale italiano è al 3,42%.

15.26 - EUROPA POSITIVA CON WALL STREET

L'apertura positiva di Wall Street conferma il buon passo delle Borse europee, con Parigi che resta la migliore (+2,5%), seguita da Londra e Francoforte (entrambe +1,5%), mentre Milano resta la più cauta (+0,36%). A Piazza Affari corre Stm (+5,36%), dopo la promozione a 'neutral' da parte di Ubs. In rialzo anche Ferrari (+2,4%), Buzzi (+3%) e Cnh (+2,4%). Soffrono Recordati (-3,2%) e Fca (-2,2% all'indomani dei conti trimestrali e dopo la bocciatura degli analisti di Mediobanca). Fuori dal Ftse Mib male anche Carige (-2%) dopo il cda di ieri; giù anche Gima TT (-10%) sui cui pesano il ribasso del giudizio di Mediobanca e il taglio delle stime del suo cliente Japan Tobacco.

14.38 - NEW YORK APRE IN FORTE RIALZO

Apertura in netto rialzo per Wall Street con il Dow Jones che guadagna lo 0,95%, il Nasdaq l'1,65% e l'indice S&P500 l'1,04%.

14.20 - EUROPA IN RIAZO

Si confermano positive le Borse europee a metà seduta, con i futures Usa in rialzo dopo dati positivi sul fronte dell'occupazione ed in attesa dell'indice dei direttori di Chicago. Parigi (+2,3%) è la migliore seguita da Londra (+1,7%), Francoforte (+1,4%) e Madrid (+1,2%), mentre Milano (+0,4%) appare più cauta. Banche contrastate a Milano con lo spread in calo a 303 punti: frenano Carige (-2%) e Intesa (-1,2%), poco mossa Unicredit (-0,1%) e sale Banco Bpm (+1%). A Madrid corre Santander (+3%) dopo i conti trimestrali, diffusi a Londra da Standard Chartered (+4,3%). In campo automobilistico contrastate Fca (-2,6%), all'indomani della trimestrale e dopo il taglio della raccomandazione di Mediobanca, e Volkswagen (+3,1%), spinta conti (+3,26%). In luce Valeo (+5,8%), sotto pressione Nokian (-9%), dopo la trimestrale deludente per gli analisti.

14.19 - MILANO TIENE (+0,5%)

Piazza Affari tiene (Ftse Mib +0,5%), dimezzando il rialzo segnato in apertura, spinta da Stm (+4,6%),in attesa della trimestrale di Apple, a cui fornisce microprocessori per l'iPhone. In lieve calo a 303 punti lo spread tra Btp e Bund, a vantaggio di Banco Bpm (+2,19%), mentre Intesa (-0,62%) riduce il calo e Unicredit (+0,25%) gira al rialzo. Più brillanti Banco Bpm (+2,11%), Poste (+1,71%) e Ubi (+1,25%), contrastate Mps (+1%) e Carige (-2%). Dimezza il calo Fca (-2,1%) all'indomani dei conti trimestrali e dopo la bocciatura degli analisti di Mediobanca, mentre sale Cnh (+1,89%), li presenterà il prossimo 7 novembre. Acquisti su Fineco (+2,5%), Moncler (+1,2%), Saipem (+3,3%) e Buzzi (+2,12%). Prese di beneficio su Recordati (-2,94%), balzata ieri sulla scia dei conti trimestrali, giù Snam (-1,54%) e Terna (-0,9%), contrastate Eni (+2%) ed Enel (-0,66%).

12.50 - LO SPREAD TORNA A QUOTA 306

Lo spread tra Btp e Bund si amplia a 306 punti base, con il rendimento del titolo a 10 anni italiano al 3,435%.

12.00 - PIAZZA AFFARI ULTIMA IN EUROPA

Borse europee su di giri nell'ultima seduta di un mese da dimenticare per le piazze finanziarie mondiali, che verrà ricordato come il peggiore degli ultimi 6 anni. Parigi (+2,31%) è la migliore seguita da Londra (+1,6%), Francoforte (+1,4%) e Madrid (+1,25%), mentre Milano (+0,2%) sta progressivamente erodendo i rialzi dell'apertura. Lo spread in crescita a 305,2 punti frena i bancari Carige (-4%) Intesa (-1,6%), mentre appaiono più caute Unicredit (-0,41%) e Bper (-0,18%). In controtendenza Banco Bpm (+0,88%). A Madrid corre Santander (+3,2%) dopo i conti trimestrali, diffusi a Londra da Standard Chartered (+4,2%). Vento in poppa anche per Bankia (+3,38%), che li ha diffusi due giorni fa. In campo automobilistico contrastate Fca (-3%), all'indomani della trimestrale e dopo il taglio della raccomandazione di Mediobanca, e Volkswagen (+3,2%), fresca anch'essa di conti (+3,26%). In luce Valeo (+6%), sotto pressione Nokian (-12,88%), dopo la trimestrale deludente per gli analisti.

11.30 - MILANO DIMEZZA IL RIALZO

Il rialzo dello spread a quasi 302 punti frena gli entusiasmi su Piazza Affari, che, a metà mattina, dimezza il rialzo (Ftse Mib +0,37%). In particolare invertono la rotta Intesa (-1,2%) e Unicredit (-0,35%), mentre proseguono gli acquisti su Banco Bpm (+2,28%) e Ubi (+0,48%), seppure ridimensionate rispetto all'apertura. Prosegue la corsa di Stm (+4,19%) in attesa della trimestrale di Apple, di cui è fornitrice, mentre Cnh (+2,45%) ed Fca (-2,97%) sono contrastate dopo i conti e la bocciatura degli analisti su quest'ultima. Bene FinecoBank (+2,54%), Moncler (+1,92%), Saipem (+2,79%) e Buzzi (+2,3%),in calo invece Recordati (-2,3%), Snam (-1,22%), Terna (-0,77%), Enel (-0,73%) e A2a (-0,39%). Contrastate Mediaset (+0,92%) e Tim (-0,19%) all'indomani del cda sulla cessione di Persidera.

10.04 - MILANO PROSEGUE POSITIVA, SCIVOLONE FCA

Piazza Affari conferma il rialzo dell'apertura (Ftse Mib +1%), spinta da Stm (+4%), sulla scia della giapponese Advantest dopo i conti trimestrali, mentre lo spread tra Btp e Bund stabile a quota 300 punti favorisce Banco Bpm (+3,8%), Ubi Banca (+2,47%), Poste (+2,3%), Unicredit (+1,3%) e Intesa (+0,8%). Sprint di Mps (+2,57%), invariata invece Carige a differenza di Popolare Sondrio (+0,9%), che ha sottoscritto il contratto per l'acquisto di CariCento. Pesa Fca (-4,9%) all'indomani dei conti trimestrali e dopo la bocciatura degli analisti di Mediobanca, mentre sale Cnh (+2,89%), che li presenterà il prossimo 7 novembre. Acquisti su Fineco (+2,98%), Moncler (+2,65%), Saipem (+2,24%) e Buzzi (+2,49%), mentre cedono Recordati (-0,97%), Snam (-0,54%) e Terna (-0,15%).

9.35 - NUOVO TONFO PER FCA A PIAZZA AFFARI

Nuovo tonfo in Piazza Affari per Fca all'indomani dei conti trimestrali. Il titolo dell'ex-Lingotto ha ceduto il 3,85% a 13,22 euro. Pesa il taglio della raccomandazione degli analisti di Mediobanca da 'outperform' (meglio dell'indice di Borsa, ndr) a 'neutral'.

9.10 - PARTONO BENE TUTTI I LISTINI EUROPEI

Avvio di seduta positivo per le principali Borse europee. Parigi ha guadagnato l'1,43% a 5.049 punti, Francoforte l'1,15% a 11.417 punti e Londra l'1,27% a 7.125 punti.

9.03 MILANO APRE POSITIVA A +0,89%

Avvio di seduta positivo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha segnato un rialzo dello 0,89% a 19.171 punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso