Spread Btp Bund in calo a 190 punti
Spread e mercati
Agenzia Rating Italia Dbrs
Economia
2 Novembre Nov 2018 1112 02 novembre 2018

Cosa scrive l'agenzia di rating Dbrs sull'Italia

Secondo gli analisti della società canadese è improbabile una espansione dell'economia nazionale, ma non ci sono rischi immediati per la stabilità finanziaria del Paese.

  • ...

L'agenzia di rating canadese Dbrs non crede nella possibilità che l'economia italiana riparta: «Davanti ad uno scenario dove c'è già un rallentamento della crescita, un calo della fiducia delle imprese e tassi di interesse più alti, Dbrs non si aspetta un miglioramento sostanziale della crescita italiana e nel breve termine, ad esempio nei prossimi trimestri, l'economia potrebbe risentirne negativamente» scrivono gli analisti in una nota spiegando che «il tema principale è se il governo riuscirà a formulare e realizzare un'agenda pro-occupazione che sostenga, piuttosto che invertire, la performance di crescita dell'Italia». Il comunicato arriva nel giorno in cui l'indice Pmi di ottobre certifica le difficoltà del manifatturiero (qui, invece, il recente giudizio di Standard & Poor's).

«MA LA STABILITÀ FINANZIARIA NON È A RISCHIO»

Tuttavia, precisa l'agenzia, «non siamo eccessivamente preoccupati circa il previsto peggioramento del deficit di bilancio dell'Italia a condizione che i fondamentali economici» del Paese «non peggiorino» (qui l'andamento di Borsa di oggi). «I rischi alla stabilità finanziaria causati dall'allargamento dello spread - sostiene l'agenzia - sembrano per il momento contenuti». L'agenzia spiega che il sistema bancario italiano «ha fatto passi avanti, riducendo lo stock di Npl e rafforzando le riserve di capitale» e inoltre, conclude Dbrs, «l'occupazione nel complesso è sopra i livelli pre-crisi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso