Bonus Casa 2019 Detrazioni Ristrutturazioni
Economia
7 Novembre Nov 2018 1124 07 novembre 2018

Cosa prevede la manovra 2019 su bonus casa e detrazioni edilizie

Nella legge di Bilancio confermata la detrazione del 50% per le spese di ristrutturazioni. bonus mobili e aliquote per il risparmio energetico invariate. Prorogato il bonus verde. La guida.

  • ...

La prossima Legge di Bilancio, all'esame delle Camere, prevede la proroga del Bonus Casa fino a tutto il 2019. Via libera quindi per tutti coloro che vogliono o si trovano nella necessità di ristrutturare la propria casa. Nel dettaglio si può chiedere il rimborso di quanto speso, secondo percentuali stabilite dalla legge: per lavori di ristrutturazione interni, lavori di ristrutturazione di aree verdi, miglioramento dell'efficientamento energetico, acquisto mobili ed acquisto grandi elettrodomestici.

BONUS RISTRUTTURAZIONE: CONFERMATA LA DETRAZIONE DEL 50%

Il bonus è previsto per la ristrutturazione di interni con una detrazione Irpef del 50%. La spesa massima che si può detrarre è di euro 96 mila da ripartire in 10 quote annuali. Si può usufruire del bonus nel caso di manutenzioni straordinarie, restauri, risanamenti conservativi e ristrutturazioni edilizie. Sono esclusi gli interventi considerati di manutenzione ordinaria. Da considerare che l'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione di tutti i contribuenti una dettagliata e particolareggiata «Guida alle ristrutturazioni» che si può leggere e scaricare dal sito dell'Agenzia.

BONUS VERDE: 36% PER GIARDINI, BALCONI E TERRAZZI

Il bonus che si applica sulle aree verdi della casa garantisce detrazioni fino al 36% per tutti i lavori di cura, ristrutturazione, irrigazione di giardini e zone verdi private, inclusi balconi e terrazzi, per una spesa massima di 5 mila euro.

ECOBONUS DAL 50% AL 65%

Si ha una detrazione del 65% per l'ottimizzazione ed il miglioramento dell'efficienza energetica delle case includendo riqualificazioni generali, scaldacqua a pompa di calore, lavori di coibentazione, pannelli solari, installazione di caldaie a condensazione di classe A evolute. Si ha una detrazione del 50% nel caso di schermature solari, infissi, finiestre, caldaie a termoregolazione non evoluta. Il tetto massimo di spesa varia da 30 a 100mila euro a secondo del tipo di intervento.

BONUS MOBILI PER ARREDI E GRANDI ELETTRODOMESTICI CLASSE A+

Il bonus mobili prevede una detrazione del 50% per l'acquisto di arredi e grandi elettrodomestici di classe energetica A+ (per i forni classe energetica A) per gli immobili interessati dalla ristrutturazione.

AGEVOLAZIONI IRPEF E IVA PER PERSONE DISABILI

Per le persone disabili in situazione di gravità sono poi previste norme di maggior favore nel caso di ristrutturazione di immobile. In aggiunta alle detrazioni Irpef, ci sono agevolazioni ai fini dell'Iva da applicare al contratto di appalto sottoscritto con la ditta edile che effettua i lavori e sull'acquisto dei materiali edili da utilizzare, che vanno acquistati direttamente da parte della ditta incaricata delle opere. Agevolazioni Iva che si applicano anche al contratto d'opera con gli artigiani di cui si utilizza l'intervento (elettricista, falegname, idraulico). Nel caso di incertezza si può presentare un'istanza di interpello all'Agenzia delle Entrate-Riscossione. L'interpello è proprio lo strumento che lo Stato mette a disposizione di qualsiasi cittadino prima di attuare un comportamento fiscalmente rilevante, nel caso di incertezza.

LAVORI CONDOMINIALI GIÀ INCLUSI NELLA LEGGE DI STABILITÀ 2018

Un discorso a parte va fatto per gli interventi sui condomini. Gli sconti per i lavori su parti comuni condominiali ed interventi antisismici non sono, al momento, specificatamente richiamati in quanto la Legge di Stabilità per il 2018 ha fissato la scadenza di questi bonus al 2021. Dovrebbero quindi essere tutti confermati.

BONUS 2019: COME RICHIEDRELO E DOCUMENTI NECESSARI

Per poter usufruire del bonus ristrutturazioni per il 2019 i contribuenti dovranno indicare nella dichiarazione dei redditi (da utilizzare il modello 730 o il modello Unico) i dati catastali identificativi dell'immobile, gli estremi di registrazione dell'atto che ne costituisce il titolo di possesso. Inoltre il contribuente deve conservare ed esibire, a richiesta degli uffici, i documenti indicati nel provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate del 2 novembre 2011. I documenti necessari per usufruire del bonus ristrutturazioni 2019 saranno i seguenti:

  • Comunicazione Asl
  • Domanda di accatastamento, nel caso in cui l'immobile non sia ancora censito
  • Ricevute di pagamento dell'Ici e dell'Imu, qualora sia dovuto il pagamento
  • Delibera dell'assemblea che ha approvato l'esecuzione dei lavori+tabella millesimale di ripartizione delle spese, nel caso gli interventi riguardino le parti comuni degli edifici residenziali
  • Dichiarazione di consenso del possessore dell'immobile all'esecuzione dei lavori
  • Per gli acquisti contemporanei di casa e box, un documento indicante il vincolo di pertinenza del box con la casa
  • Concessioni, autorizzazioni e ove non previste dalla Legge, dichiarazione sostitutiva dell'atto di noterietà sulla quale indicare la dati di inizio dei lavori e che i lavori eseguiti siano agevolabili
  • Ricevuta dell'avvenuta trasmissione della Comunicazione Enea, obbligatoria dal mese di settembre.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso