Snam
Economia
7 Novembre Nov 2018 1529 07 novembre 2018

Per Snam un piano di investimenti di 5,7 miliardi

Prevista una crescita dell'utile netto di oltre il 4% medio annuo, aumento dell'utile netto per azione di oltre il 5% medio annuo e un dividendo che sale del 5% al 2022.

  • ...

Snam ha approvato il nuovo piano strategico 2018-2022 che vede tutti i target in crescita e investimenti per 5,7 miliardi di euro, in crescita del 10% rispetto al piano precedente. Nel nuovo piano è prevista una crescita dell'utile netto di oltre il 4% medio annuo, aumento dell'utile netto per azione di oltre il 5% medio annuo e un dividendo che sale del 5% annuo al 2022.

l dettagli degli investimenti vedono 4,8 miliardi destinati alla rete di trasporto, 0,7 miliardi allo stoccaggio e alla rigassificazione e 0,2 miliardi di nuovi business legati alla transizione energetica. Circa un quarto degli investimenti del piano riguarda iniziative di sviluppo, dall'interconnessione Tap ai collegamenti nel Nord-ovest al servizio del mercato locale e dei flussi cross-border, dalla rete in Sardegna al potenziamento dell'impianto di stoccaggio di Fiume Treste. Per il 2019 Snam si attende un utile netto in crescita di circa il 4% rispetto al 2018 e un livello di indebitamento a fine anno pari a circa 11,7 miliardi con un costo del debito in linea con gli attuali livelli. Nel nuovo piano di Snam è prevista anche una crescita media annua della Rab per i ricavi 2017-2022 di circa il 2,5% contro il 2% nel piano precedente; aumento dell'efficienza sul core business con minori costi per oltre 60 milioni di euro a fine piano rispetto ai 50 milioni di target del piano precedente. Si guarda anche a un crescente contributo all'utile netto da consociate, servizi regolati e nuovi business: da circa il 15% nel 2016 a oltre il 25% a fine piano.

Snam ha chiuso i primi nove mesi dell'anno con un utile netto pari a 793 milioni di euro, in crescita del 5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. In crescita anche i ricavi che si attestano a 1,87 miliardi, in aumento del 3,1% rispetto ai primi nove mesi del 2017 grazie al al proseguimento del piano di investimenti - sostiene la società - e al contributo delle imprese entrate nell'area di consolidamento. Previsto un acconto sul dividendo 2018 pari a 0,0905 euro per azione. Gli investimenti tecnici sono stati di 564 milioni di euro, rispetto ai 683 milioni di euro nei primi nove mesi del 2017.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso