Easy Drop Energia Solare In Italia
Economia
3 Marzo Mar 2019 1000 03 marzo 2019

La start up siciliana che crea acqua con energia solare e umidità

L'azienda Saba Technology punta a garantire irrigazione anche a zone desertiche. E ha ottenuto un finanziamento agevolato di 1 milione da parte di Invitalia. Oltre a diversi pre-ordini. Il progetto Easy Drop.

  • ...

Produrre acqua dall’umidità presente in atmosfera. È l’idea di Saba Technology, una start up siciliana che utilizza l’energia solare con l’obiettivo di poter garantire acqua anche in zone aride e desertiche. Il sistema si chiama Easy Drop e usa energia solare per alimentarsi. Il vantaggio è doppio: da una parte, grazie proprio all’energia del sole, l’acqua prodotta può arrivare fredda o già riscaldata e, al tempo stesso, anche il pannello solare utilizzato sarà in grado di espellere aria fredda o calda da mettere in circolo all’interno di un edificio.

GIRO D'AFFARI SOPRATTUTTO IN MEDIO ORIENTE

L’idea - ancora in una fase di test, ma con alle spalle anni di studio e collaborazioni con ingegneri e ricercatori - permetterà di fornire acqua anche in zone prive di risorse idriche. Per questo Saba Technology, che ha ottenuto un finanziamento agevolato di 1 milione di euro da parte di Invitalia per produrre i prototipi industriali e avviare una prima linea di produzione, ha già ricevuto diversi pre-ordini da parte di enti governativi e aziende private soprattutto in Medio Oriente. Ordini che potrebbero portare a una crescita importante, tanto che la start up ha già avviato un piano triennale che prevede l’assunzione di 120 persone.

ALTRI PRODOTTI: LA SERRA INTELLIGENTE E LO ZAINO HI-TECH

Dalla tecnologia Easy Drop nasceranno poi altri due prodotti: la serra intelligente al 100% autosufficiente e uno zaino hi-tech, realizzato con un particolare materiale a base di silicio, capace di produrre energia solare e accumularla per favorire il funzionamento del sistema, oltre che generare cinque litri di acqua al giorno dall’umidità presente in atmosfera.

SISTEMA ANCHE PER LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE

La serra - grazie a una produzione di 35 litri d’acqua per metro quadro - permetterebbe di irrigare coltivazioni di ortaggi, frutteti o legumi. Inoltre Saba sta lavorando anche alla realizzazione di uno scarpone per la sicurezza e la prevenzione: produrrà energia sufficiente ad alimentare tre computer portatili e sarà dotato di un sensore in grado di intercettare fonti esplosive da una distanza di 20 metri per un raggio di 180 gradi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso