Spread Btp Bund in calo a 190 punti
Spread e mercati
Borsa Italiana Oggi Quotazioni Spread 5 Marzo
Economia
5 Marzo Mar 2019 0700 05 marzo 2019

Lo spread e la Borsa italiana del 5 marzo 2019 in diretta

Milano chiude piatta: -0,01%. Differenziale Btp-Bund a 254 punti. Bene i bancari, in calo il comparto del lusso. Lievemente positivi i listini europei. Wall Street termina in territorio negativo.

  • ...

Seduta poco mossa per la Borsa di Milano (-0,01%) nella giornata del 5 marzo 2019, con il Ftse Mib che ha chiuso a 20.715 punti. In calo lo spread Btp-Bund a 254 punti con il rendimento del decennale italiano al 2,7%. Sotto pressione Campari (-6,5%) dopo i risultati 2018 in linea con le attese. Male anche Amplifon (-2,8%), nonostante i risultati positivi del 2018 ed il nuovo piano al 2020 con la previsione di ulteriore crescita di ricavi e utile. E vendite su Moncler (-2,5%) con Beremberg ha rivisto la raccomandazione ad hold da buy. In frenata poi i bancari con Ubi che lascia il 2,46% e Banco Bpm l'1,49%. Corre Tim (+2,9%), in attesa dell'assemblea sul nuovo piano. Bene Azimut (+2,56%) e Saipem (+1,35%). Al debutto Illimity, la banca digitale guidata da Corrado Passera, che ha avviato le contrattazioni in rialzo del 4,2% e ha poi chiuso poco variata (+0,14%) a 7,3 euro. Positive le Borse europee: Parigi +0,21%, Francoforte +0,24%, Londra +0,69%. Fa eccezione Madrid -0,02%. Infine Wall Street, che dopo un'apertura debole ha chiuso in negativo: Dow Jones -0,04%, Nasdaq -0,02%, S&P 500 -0,11%.

CHIUSURA IN CALO PER LO SPREAD

Lo spread tra Btp e Bund ha chiuso in calo a 254 punti base (nella seduta precedente il differenziale aveva chiuso a 258). Il rendimento del decennale italiano scende al 2,7%.

GLI AGGIORNAMENTI DI AZIONI E MERCATI IN TEMPO REALE

22.16 - CHIUSURA DEBOLE PER WALL STREET

Chiusura debole per Wall Street. Il Dow Jones perde lo 0,04% a 25.807,44 punti, il Nasdaq cede lo 0,02% a 7.576,36 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,11% a 2.789,65 punti.

19.12 - WALL STREET APRE DEBOLE MA POI RECUPERA

Apertura debole per Wall Street. Dow Jones -0,05%, Nasdaq +0,02%, S&P 500 +0,01%. Poi però New York ha invertito la tendenza e sta recuperando. Il Dow Jones sale dello 0,12%, il Nasdaq avanza dello 0,14% mentre lo S&P 500 mette a segno un lieve progresso dello 0,02%.

17.41 - CHIUSURA PIATTA PER LA BORSA DI MILANO

Piazza Affari chiude piatta. Il Ftse Mib segna un -0,01% a 20.715 punti.

16.16 - LE BORSE EUROPEE SI CONFERMANO IN FLESSIONE

Le Borse europee si confermano in flessione con l'apertura debole di Wall Street. Le vendite si concentrano in particolare su finanziari e industriali. Sui mercati pesa il calo degli obiettivi di crescita della Cina. Lo sguardo è poi sempre rivolto all'esito delle trattative tra Washington e Pechino sul commercio internazionale e alla riunione della Bce. Controcorrente Londra (+0,42%) mentre sono ripresi a Bruxelles i colloqui sulla Brexit fra il governo britannico e l'Ue. Fiacche il resto delle Piazze con Parigi che segna un -0,06%, Francoforte è piatta e Milano cede lo 0,11% con il Ftse Mib a 20.679 punti. Sempre pesanti Campari (-7,4%) e Amplifon (-4,4%), entrambe dopo i conti. Si conferma di buon passo Tim (+2,76%), in attesa dell'assemblea sul nuovo piano. Lo spread tra btp e bund viaggia in area 255 punti con il rendimento del decennale italiano al 2,7%. Sul fronte dei cambi l'euro è a 1,13 sul dollaro.

15.33 - L'APERTURA DI WALL STREET È IN NEGATIVO

Apertura debole per Wall Street. Il Dow Jones perde lo 0,05% a 25.804,22 punti, il Nasdaq sale dello 0,02% a 7.579,79 punti mentre lo S&P 500 avanza dello 0,01% a 2.793,12 punti.

13.15 - L'EUROPA TORNA IN ROSSO

Le Borse europee tornano in rosso con la Cina che rivede in calo gli obiettivi di crescita ed in attesa dell'accordo tra Usa e Cina sul commercio internazionale e la riunione della Bce di giovedì. Galleggia Piazza Affari (-0,01%) dove soffrono Campari (-5%), dopo i conti del 2018, ed il comparto del lusso con Moncler (-2,3%) e Ferragamo (-1,5%). L'euro stoxx 600 cede lo 0,18%. In calo Madrid (-0,3%), Parigi (-0,2%) e Francoforte (-0,1%). In positivo Londra (+0,2%). Nel Vecchio continente ancora in calo il comparto dell'automotive (-0,8%) e le banche (-0,4%).

11.55 - ILLIMITY GUADAGNA IL 3,8%

Illimity Bank, la nuova banca digitale specializzata nel credito difficile alle Pmi e nell'acquisto e gestione di Npl Corporate, ha un capitale sociale 43,377 milioni di euro, rappresentato da 59.422.861 azioni ordinarie e 1.440.000 azioni speciali (non quotate). Corrado Passera, amministratore delegato di Illimity, in occasione della cerimonia di quotazione tenutasi oggi in Borsa Italiana, ha ricordato come solo "un anno fa, si avviava un progetto che testimoniava fiducia nell'Italia e nelle nuove idee. Quel progetto in pochi mesi è diventato Illimity, una start up che vuole interpretare al meglio il cambiamento profondo che sta avvenendo nel settore bancario, combinando innovazione ed esperienza, tecnologia e umanità". In occasione della quotazione di Spaxs "dissi - ha aggiunto - che la cosa più bella che un banchiere può sentirsi dire da un cliente è che grazie alla banca la sua azienda ha superato un momento difficile, oppure ha potuto investire e assumere. Ed è esattamente quello che abbiamo già iniziato a fare e faremo con sempre più forza e scala. Per fare utile e soddisfare al meglio i nostri azionisti, e al contempo essere utili al nostro Paese". La liquidazione del diritto di vendita esercitato dagli azionisti di minoranza di Banca Interprovinciale per 95.534 euro (relativi a 74 azioni ordinarie), sarà effettuata entro venerdì 8 marzo 2019.

11.29 - I LISTINI DEL VECCHIO CONTINENTE IN CRESCITA

Le Borse europee girano in positivo e metabolizzano il taglio degli obiettivi di crescita della Cina. Sullo sfondo resta l'ottimismo degli investitori per un imminente accordo tra Usa e Cina sul commercio globale e l'attesa per la riunione della Bce. Sul fronte valutario l'euro è in lieve calo sul dollaro si attesta a 1,1326 a Londra. L'indice euro stoxx 600 avanza dello 0,1%. In positivo Londra (+0,2%), Parigi, Francoforte e Madrid (+0,1%). Nel vecchio continente soffre il comparto dell'automotive (-0,4%) con Valeo (-1,5%), Peugeot e Continental (-0,7%), Porsche (-0,3%) e Volkswagen (-0,2%). In rialzo le Tlc (+1,5%) dove si mette in mostra Vodafone (+2,3%), Telefonica (+1,7%) e Orange (+1,1%). In luce le banche (+0,1%) con Banco Bilbao (+0,8%), Bnp Paribas e Credit Agricole (+0,2%). A Piazza Affari svetta Tim (+1,7%). Tra le banche si mettono in mostra Mps (+1,5%), Bper (+1%), Unicredit (+0,8%) ed Ubi (+0,6%). In rosso il comparto del lusso con Moncler (-2,2%) e Ferragamo (-1,1%). Male anche Amplifon (-1,9%) e Diasorin (-1,2%).

10.38 - LA BORSA DI MILANO LIMA IL RIALZO

La Borsa di Milano (+0,3%) lima il rialzo dopo i dati del Pil del quarto trimestre 2018. Piazza Affari, dopo un avvio di seduta debole, ha invertito la rotta ed ora procede in terreno positivo sostenuta dalle banche. In calo lo spread tra Btp e Bund a 253 punti base con il rendimento del decennale italiano al 2,71%. A Piazza Affari svetta Tim (+1,7%). Tra le banche si mettono in mostra Mps (+1,5%), Bper (+1%), Unicredit (+0,8%) ed Ubi (+0,6%). In rosso il comparto del lusso con Moncler (-2,2%) e Ferragamo (-1,1%). Male anche Amplifon (-1,9%) e Diasorin (-1,2%).

10.10 - PIAZZA AFFARI CRESCE: MALE AMPLIFON, CORRE TIM

La Borsa di Milano (+0,5%) ingrana la marcia e procede in rialzo, in controtendenza con gli altri listini europei. A Piazza Affari procedono in terreno positivo le banche mentre è in calo il settore del lusso. Stabile lo spread tra Btp e Bund a 258 punti base con il rendimento del decennale italiano al 2,75%. In calo Moncler (-2%) e Ferragamo (-0,7%). Male anche Amplifon (-2,1%) e Pirelli (-0,8%). Esordio positivo in Borsa per Illimity (+4,2%), la banca di Corrado Passera nata da Spaxs e Banca Interprovinciale. Corre Tim (+2%), in vista dell'assemblea sul nuovo piano. Banche in rialzo con Banca Generali (+2%), Bper (+1,1%) Unicredit ed Mps (+1%) e Intesa (+0,5%). In ordine sparso il comparto legato al petrolio con Eni (+0,3%), Saipem e Snam (+0,4%).

09.49 - DEBUTTA ILLIMITY, LA BANCA DI PASSERA

Esordio in Borsa positivo per Illimity, la nuova banca guidata da Corrado Passera e nata dalla business combination di Spaxs e Banca Interprovinciale. Dopo i primi scambi il titolo guadagna il 3,8% a 7,57 euro. Per Illimity si è svolta stamane a Palazzo Mezzanotte la cerimonia di quotazione sull'Mta di Borsa Italiana. E per domani è già fissato un primo appuntamento con la presentazione del bilancio e l'aggiornamento del piano industriale.

09.15 - LE BORSE EUROPEE APRONO DEBOLI

Avvio di seduta debole per le Borse europee. Appare ormai archiviata l'euforia degli investitori per un imminente accordo tra Usa e Cina sui dazi. Sui mercati ora pesano le previsioni prudenti di crescita della Cina ed il nuovo fronte di scontro aperto da Donald Trump con l'India sul commercio internazionale. Sul fronte valutario l'euro è in lieve calo a 1,1326 dollari. Invariato l'indice d'area euro Stoxx 600 (-0,05%). In calo Francoforte (-0,19%), piatte Londra (+0,08%), Parigi (+0,04%) e Madrid (-0,04%).(ANSA).

9.00 - APERTURA BORSA DI MILANO IN LIEVE RIALZO

La Borsa di Milano apre piatta con il Ftse Mib (+0,01%) a 20.719 punti.

8.42 - CHIUSURA DI BORSA NEGATIVA PER TOKYO

Borse asiatiche contrastate con gli investitori che guardano ad un accordo ormai vicino tra Usa e Cina sui dazi. Riflettori accesi anche sulla crescita cinese dopo che il premier Li Kegiang ha parlato al congresso nazionale del popolo facendo riferimenti ad un Pil prudente per il 2019. Intanto Donald Trump apre con l'India un nuovo fronte di scontro sul commercio. Tokyo (-0,4%) archivia la seduta in calo. In positivo Hong Kong (+0,2%), Shanghai (+0,8%), Shenzhen (+2,2%) e Mumbai (+0,3%). In rosso Seul (-0,5%). Giornata ricca di dati macroeconomici con l'indice Markit Pmi dell'eurozona, degli Usa e dei principali Paesi del Vecchio Continente. Attesi anche il Pil del quarto trimestre 2018 dell'Italia e le vendite dal dettaglio nell'eurozona. Dagli Stati Uniti in arrivo i dati sulle vendite di abitazioni e le scorte di petrolio settimanali.Le Borse cinesi proseguono a guadagnare terreno puntando sulla svolta ormai vicina sul commercio tra Usa e Cina: l'indice Composite di Shanghai cresce dello 0,88%, a 3.054,25 punti, mentre quello di Shenzhen sale del 2,28%, a quota 1.635,98.

8.32 - LE BORSE CINESI IN TERRENO POSITIVO

Le Borse cinesi proseguono a guadagnare terreno puntando sulla svolta ormai vicina sul commercio tra Usa e Cina: l'indice Composite di Shanghai cresce dello 0,88%, a 3.054,25 punti, mentre quello di Shenzhen sale del 2,28%, a quota 1.635,98.

01.15 - APERTURA IN CALO PER TOKYO

La Borsa di Tokyo ritraccia dai massimi in 3 mesi, in scia alla correzione durante la notte degli indici azionari statunitensi, mentre si attenuano le speranze degli investitori per un accordo a breve termine sul commercio internazionale tra Cina e Stati Uniti. Il Nikkei cede lo 0,50% a quota 21.712,01, con una perdita di 110 punti. Sul mercato dei cambi lo yen arresta la fase di svalutazione sul dollaro, a un livello di 111,70, e a 126,60 sull'euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso