Spread Btp Bund in calo a 190 punti
Spread e mercati
Borsa Italiana Oggi In Tempo Reale Spread 13 Marzo Brexit Boeing Juventus
Economia
13 Marzo Mar 2019 0609 13 marzo 2019

La Borsa italiana del 13 marzo 2019 in tempo reale

Piazza Affari chiude la seduta a +0,57%. Brilla il titolo della Juventus dopo il passaggio del turno in Champions. Lo spread risale a quota 250 punti base. I mercati in diretta.

  • ...

La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo la seduta del 13 marzo, con l'indice principale Ftse Mib che ha guadagnato lo 0,57% a 20.749 punti. Il listino milanese aveva aperto in calo a -0,16%, risalendo poi nel corso della giornata fino a +0,38%, in un momento di tensioni sui mercati internazionali. Le Borse europee hanno chiuso in terreno positivo con gli investitori che restano alla finestra in attesa del voto nel Regno Unito sulla Brexit. L'euro sul dollaro si attesta a 1,13 a Londra mentre la sterlina continua a rafforzarsi a 1,32 sul dollaro. L'indice d'area stoxx 600 avanza dello 0,6%. In rialzo Parigi (+0,69%), Francoforte (+0,42%), Madrid (+0,34%) e Londra (+0,11%). In rosso il comparto delle utility (-0,4%) con Endesa (-0,8%) e Veolia (-0,4%). Avanzano Bp (+0,9%), Total (+0,6) ed Enagas (+0,4%). A Piazza Affari vola la Juventus (+17%), dopo l'acceso ai quarti di Champions dopo aver battuto l'Atletico Madrid. In positivo anche Ferragamo (+5,6%) e Azimut (+2,5%). In calo Prysmian (-2,7%).

SPREAD BTP BUND A 250 PUNTI

Lo spread fra Btp italiani e bund tedeschi è a 250 punti, stabile rispetto all'apertura in attesa delle aste di Btp e poco mosso rispetto ai 248 della chiusura del 12 marzo.

I MERCATI ASIATICI IN DIFFICOLTÀ SU DAZI E BREXIT

Le incertezze dello scenario internazionale frenano le Borse asiatiche, per la prima volta in rosso dall'inizio della settimana, con Tokyo che ha chiuso in calo dello 0,99% e le Borse cinesi sotto pressione: Shenzhen ha perso il 2,3% e Shanghai l'1,09%. Male anche Hong Kong che cede lo 0,45%. A pesare sui mercati sono la bocciatura dell'accordo sulla Brexit da parte del Parlamento inglese e l'esito per nulla scontato dei negoziati fra Stati Uniti e Cina in tema di dazi. I riflessi si fanno sentire anche su Seul (-0,4%) e Sidney (0,23%). Sale invece Mumbai (+0,25%).

GLI AGGIORNAMENTI DEI MERCATI IN TEMPO REALE

17.52 - LA JUVENTUS CHIUDE COL BOTTO A +17,4%

Chiusura con il botto per la Juventus a Piazza Affari, dopo che i bianconeri si sono qualificati per i quarti di finale di Champions League. Le azioni della Vecchia Signora hanno chiuso in rialzo del 17,4%, a 1,436 euro. In una seduta la Juventus ha recuperato 214,5 milioni di euro di capitalizzazione e il titolo si è riportato sui livelli che segnava prima della partita di andata.

17.38 - MILANO CHIUDE A +0,57%

La Borsa di Milano chiude la seduta in rialzo. L'indice principale Ftse Mib guadagna lo 0,57% a 20.749 punti.

15.26 - BOEING GUADAGNA LO 0,14% A WALL STREET

Boeing interrompe la serie negativa e sale a Wall Street. I titoli avanzano dello 0,14%, pur restando sotto pressione per i timori sulla sicurezza del 737 Max.

15.03 - EUROPA IN RIALZO GRAZIE A WALL STREET

Le Borse europee proseguono in rialzo dopo l'avvio in territorio positivo per Wall Street. L'attenzione degli investitori si concentra sull'esito del voto nel Regno Unito per la Brexit. Il governo britannico ha intanto tagliato le stime del Pil 2019. Si guarda anche alle trattative Usa-Cina sul commercio internazionale. Sul fronte valutario l'euro si attesta a 1,13 sul dollaro mente la sterlina è stabile sulla moneta statunitense a 1,31. L'indice d'area Stoxx 600 guadagna lo 0,4%.

14.40 - APERTURA IN POSITIVO PER WALL STREET

Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,38% a 25.652,16 punti, il Nasdaq avanza dello 0,43% a 7.623,88 punti, mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,38% a 2.801,98 punti.

13.05 - EUROPA IN CRESCITA ASPETTANDO IL VOTO SULLA BREXIT

Borse europee in crescita, in attesa del voto del parlamento inglese sulla possibilità di portare a termine la Brexit senza intesa con l'Ue. Londra è piatta, mentre la sterlina è stabile e vale 1,31 dollari 1,16 euro. Salgono Parigi (+0,24%) e Madrid (+0,27%). Milano è la piazza più forte e guadagna lo 0,38%. Lo spread è a 250 punti contro i 249 in apertura, mentre il Tesoro ha assegnato in asta tutti i 7,75 miliardi di euro di Btp a 3, 7 e 20 anni. In Piazza Affari continua la corsa della Juve (+16%), dopo la rimonta sull'Atletico Madrid e l'accesso ai quarti di Champions. Crescono anche Ferragamo (+4%), dopo i conti che Equita giudica sopra le stime, Brembo (+2,2%) e Azimut (+1,87%). In calo Prysmian (-1,7%), Stm (-0,89%), Banco Bpm (-0,78%) e Recordati (-0,55%). Tim sale dello 0,42%. in attesa del Cda sulla governance e malgrado la lotta fra i soci. Mediaset perde l'1%, dopo i risultati e la decisione di non distribuire dividendo.

12.21 - ASSEGNATI 7,75 MILIARDI DI BTP

Il Tesoro ha assegnato in asta tutti i 7,75 miliardi di euro di Btp a 3, 7 e 20 anni. Per il titolo a 3 anni, il Tesoro ha collocato 4 miliardi di Btp con una domanda 1,49 volte l'offerta e un rendimento lordo dell'1,06% in aumento di 7 punti base. Sul titolo a 7 anni, venduto per 2,5 miliardi, la domanda è stata 1,4 volte l'offerta e il rendimento lordo è calato di 20 punti base al 2,05%. Il titolo a 20 anni, venduto per 1,25 miliardi, ha avuto una domanda pari a 1,36 volte l'offerta e il rendimento loro è al 3,35%.

11.00 - BORSE EUROPEE DEBOLI PER LA BREXIT

Borse europee contrastate all'indomani della bocciatura del Parlamento inglese dell'accordo con l'Ue sulla Brexit e nel giorno del voto sulla possibile uscita senza intesa. Londra naviga poco sopra la parità (+0,06%), con un andamento simile a Francoforte (-0,05%) e Madrid (-0,06%). Salgono Parigi (+0,34%) e Milano (+0,18%). La sterlina è in calo. Vale 1,16 euro e 1,31 dollari.

9.40 - PIAZZA AFFARI INVERTE LA ROTTA

Piazza Affari inverte la rotta e, dopo un'apertura in calo, sale dello 0,3%, spinta dal titolo della Juventus, che balza del 16,4% a 1,42 euro, dopo la rimonta sull'Atletico Madrid e l'accesso ai quarti di Champions. Crescono anche Ferragamo, che guadagna il 4,45 dopo i conti, Tenaris (+0,92%), Campari (+0,73) e Mediobanca (+0,59%). In calo, invece, Prysmian (-1,37%), Stm (-0,82%), Leonardo (-0,78%), Banco Bpm (-0,56%) e Fca (-0,03%). Alla vigilia di un cda su temi di governance, e in mezzo alla guerra fra azionisti in vista dell'assemblea, Tim perde lo 0,23%

09.20 - IL BALZO DELLA JUVENTUS: PIÙ 23%

Il titolo della Juventus ha aperto in rialzo del 23% in Piazza Affari, a 1,5 euro, all'indomani della vittoria per 3 a 0 sull'Atletico Madrid, con l'accesso ai quarti di Champions. Un successo inatteso, dopo la sconfitta all'andata. A inizio seduta, il titolo non è riuscito a fare il prezzo, poi è balzato avvicinandosi ai massimi e subendo poco dopo uno stop in asta di volatilità. Ora il rialzo è poco sotto il 18% a 1,44 euro.

9.05 - ANCHE L'APERTURA DI FRANCOFORTE E PARIGI IN CALO

Apertura in calo per i principali listini europei nel giorno del secondo voto sulla Brexit, dopo la bocciatura dell'accordo con l'Ue. Londra ha avviato le contrattazioni in calo dello 0,29%, Francoforte in perdita dello 0,22% e Parigi in ribasso dello 0,14%. Male anche Milano (-0,16%).

9.02 - L'APERTURA DELLA BORSA DI LONDRA IN CALO PER LA BREXIT

La Borsa di Londra ha aperto in calo dello 0,29% a 7.129 punti, all'indomani della bocciatura, da parte del parlamento inglese, dell'accordo con l'Ue sulla Brexit. Un nuovo voto è atteso oggi per decidere se procedere o no con l'uscita dall'Unione europea senza accordi.

9.00 - L'APERTURA DELLA BORSA DI MILANO IN CALO

Apertura in ribasso per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in calo dello 0,16% a quota 20.598 punti.

07.30 - LA CHIUSURA DELLA BORSA DI TOKYO IN CALO

Continua a pesare sui mercati azionari in Asia l'incertezza sull'esito della Brexit, dopo il nuovo rifiuto del Parlamento britannico a ratificare il piano della premier Theresa May, e la contrazione degli investimenti aziendali per il terzo mese consecutivo. La Borsa di Tokyo cede l'1% a quota 21.290,24, perdendo di 213 punti. Sul fronte dei cambi lo yen si mantiene stabile a un valore di 111,20 sul dollaro, e a quota 125,50 sull'euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso