Assegno Al Nucleo Familiare 2019 Cosa Cambia

Cosa cambia per la domanda di assegno al nucleo familiare 2019

L'Inps ha stabilito nuove modalità. Dal primo aprile le richieste vanno presentate direttamente dal lavoratore all'istituto di previdenza, per via telematica o tramite patronati e intermediari. Le cose da sapere.

  • ...

Ci sono novità per gli assegni familiari 2019 per quanto riguarda gli importi, i requisiti di reddito e le modalità per fare domanda.

Dal primo aprile, infatti, le richieste di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti di aziende private non agricole devono essere presentate direttamente all’Inps esclusivamente in modalità telematica, e non più al datore di lavoro come fatto finora con il modello “ANF/DIP” (SR16). Sul sito web dell'istituto di previdenza sarà attivato a questo scopo un nuovo servizio dedicato. L'Inps ha spiegato che in questo modo potrà garantire una maggiore correttezza del calcolo dell’importo spettante e anche una migliore aderenza alle norme in materia di protezione dei dati personali. Le domande già presentate al datore di lavoro entro la data del 31 marzo 2019 con il modello “ANF/DIP”, per il periodo compreso tra il primo luglio 2018 e il 30 giugno 2019 a valere sugli anni precedenti, non devono essere ripetute, ma verranno gestite dai datori di lavoro in base alle istruzioni riportate in questa circolare dell'Inps. Le richieste presentate online a decorrere dal primo aprile 2019, invece, saranno gestite direttamente dall’istituto, che individuerà gli importi giornalieri e mensili sulla base del nucleo familiare e del reddito degli anni precedenti. In risposta ai cittadini che richiedono l'assegno, verranno inviati solo gli eventuali provvedimenti di rifuto delle domande.

LE NUOVE MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

In sintesi, a partire dal primo aprile 2019, la domanda di assegno per il nucleo familiare dovrà essere presentata dal lavoratore direttamente all’Inps, esclusivamente per via telematica, mediante uno di questi canali:

  • Web, tramite il servizio online dedicato, accessibile dal sito www.inps.it, se in possesso di Pin dispositivo, di un'identità Spid (Sistema pubblico di identità digitale) almeno di Livello 2 o Cns (Carta nazionale dei servizi). Il servizio sarà disponibile dal primo aprile 2019;
  • Patronati e intermediari dell’Inps, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi, anche se non in possesso di Pin;
  • Per i lavoratori dipendenti di aziende attive del settore privato agricolo, non cambia nulla: occorre compilare il modello cartaceo “ANF/DIP” (SR16) e consegnarlo al datore di lavoro;
  • In caso di lavoratori dipendenti di ditte cessate o fallite, l'assegno familiare viene erogato direttamente dall’Inps. La domanda può essere fatta online oppure tramite contact center, chiamando da telefono fisso il numero verde gratuito 803164 se in possesso di Pin.

COSA CAMBIA PER I DATORI DI LAVORO

Per quanto riguarda invece i datori di lavoro, dal primo aprile 2019 l'Inps metterà a disposizione gli importi degli assegni familiari da pagare attraverso un servizio apposito nel Cassetto previdenziale aziendale, con specifica indicazione del codice fiscale del lavoratore ed eventualmente di quello del richiedente, qualora i due soggetti non coincidano. Sulla base degli importi teoricamente spettanti, il datore di lavoro dovrà poi calcolare l’importo effettivo tenendo conto del tipo di contratto sottoscritto e della presenza del lavoratore nel periodo considerato. La somma corrisposta mensilmente non potrà comunque eccedere quella indicata dall’Inps.

25 Marzo Mar 2019 1032 25 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso