Italia Recessione
L'Italia in recessione
Lagarde Area Euro Crisi Economica

Per Lagarde l'area euro non è pronta a un'altra crisi

Il direttore generale del Fondo monetario internazionale lancia l'allarme: «Non è ancora abbastanza resistente a una tempesta economica». A rischio povertà un giovane su quattro.

  • ...

Il Fondo monetario internazionale lancia il suo allarme sull'Europa. Secondo il direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, l'area euro non è al momento pronta per una prossima eventuale crisi: «Dopo una formidabile corsa fatta di una crescita relativamente forte negli ultimi anni, l'attività economica nell'area euro sta ancora una volta rallentando e i rischi aumentando».

Secondo Lagard, il Vecchio Continente è comunque «più preparato» per un'inattesa tempesta economica perchè più resistente di 10 anni fa. «Ma non è abbastanza resistente», ha aggiunto, così come «il sistema bancario è più sicuro, ma non abbastanza sicuro». Il direttore generale del Fmi ha detto anche che è fondamentale che si compiano progressi sul fronte dell'Unione Bancaria e del Mercato dei Capitali. E ha osservato comunque come l'euro abbia giocato un ruolo «centrale per rafforzare l'integrazione europea, che si è tradotta in un aumento degli standard di vita nel Continente».

UN GIOVANE SU QUATTRO DELL'AREA EURO A RISCHIO POVERTÀ

Lagarde ha spiegato che un giovane su quattro nell'area euro è «a rischio poverta» e questo «getta un'ombra scura sulla prossima generazione del continente. Una sfida legata a questa è l'ascesa dei movimenti populisti in alcuni Paesi, che metteono in dubbio l'idea dell'integrazione Europea». Ora ìper il direttore del Fonso è il momento di rafforzare «questo ecosistema unico», sottolineando che serve anche dare una spinta all'unione finanziaria nell'area euro.

Abbiamo bisogno di un sistema bancario che diversifichi veramente i rischi nell'ecosistema

Christine Lagarde

«Abbiamo bisogno di un sistema bancario europeo che possa piegarsi durante una tempesta senza rompersi, abbiamo bisogno di un sistema bancario che diversifichi veramente i rischi nell'ecosistema» e promuova la crescita, ha osservato Lagarde. Secondo Lagarde, oltre all'unione bancariaè necessario spingere sull'unione del mercato dei capitali. «Al momento il 40% delle famiglie di Eurolandia parcheggia i suoi asset finanziari in depositi bancari. Questo le lascia esposte al settore bancario. Non solo un mercato integrato dei capitali nell'Ue aiuta le aziende e le famiglie a ridurre la loro resistenza alla banche, ma rende anche l'ecosistema resistente agli choc». Il direttore generale Fmi ìquindi ha concluso con una citazione di Moliere: «Gli alberi che sono lenti a crescere sono quelli con i frutti migliori», ha detto riferendosi ai progressi nell'area euro negli ultimi 20 anni.

28 Marzo Mar 2019 1416 28 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso