Spread Btp Bund in calo a 190 punti
Spread e mercati
Borsa Italiana Oggi In Tempo Reale Spread 1 Aprile

La Borsa italiana e il valore dello spread dell'1 aprile 2019

Milano in rialzo a +1,1%. Il differenziale Btp-Bund a quota 256 punti dopo aver sfiorato i 260. Tengono i titoli bancari, male Tim. Mercati europei in positivo. I listini in tempo reale.

  • ...

Giornata brillante quella dell'1 aprile per la Borsa di Milano, che ha chiuso con un rialzo dell'1,1% a 21.520 punti dopo una seduta che ha visto l'indice Ftse Mib sempre con il segno più.

Regina è Unicredit (+4,32%) rinvigorita dal giudizio di Goldman Sachs che l'ha inserita tra i titoli consigliati. Buona performance anche da Stm (+4,02%) e Buzzi (+3,04%). Corrono Ubi (+3,65%) e Banco Bpm (+2,97%). La galassia del Lingotto corre sui rinnovati rumors di aggregazioni e dell'ipotesi di una super piattaforma europea del comparto: Cnh (+3,3%), Exor (+2,87%), Fca (+2,4%) e Ferrari (+1,09%). Bene Saipem (+2,33%) con le voci di vendita del settore perforazioni. Soffre Tim dopo la tregua tra i soci (-1,7%), con l'energia di Italgas (-1,27%) e Terna (-1,13%). In positivo le altre principali Borse europee: Londra guadagna lo 0,65%, Parigi lo 0,7%, Madrid +1,1% e Francoforte l'1,1%. Wall Street in rialzo: Dow Jones più 1,27%, Nasdaq più 1,29% e l'indice SP500 più 1,16%.

SPREAD BTP-BUND IN RIALZO

Lo spread tra Btp e Bund ha sfiorato quota 260, segnando un rialzo fino a 259 punti base, dopo il brusco peggioramento del settore manifatturiero segnalato dal sondaggio Pmi dei responsabili agli acquisti. Il differenziale si è poi ridotto a 256 punti base con il rendimento del titolo a 10 anni italiano al 2,52% (venerdì 29 marzo aveva chiuso a 255 punti) chiudendo a 253 punti. Il deterioramento del quadro economico ha spinto gli acquisti di beni rifugio come il Bund facendo scendere il tasso del decennale tedesco fino a -0,048% per riportarsi a -0,04%.

LA DIRETTA DELLE BORSE EUROPEE, DELLO SPREAD E DI WALL STREET

22.05 - LA CHIUSURA DELLA BORSA DI NEW YORK POSITIVA

Chiusura in rialzo a New York col Dow Jones che guadagna l'1,27% a 26.258,48 punti, il Nasdaq l'1,29% a 7.828,91 punti e l'indice SP500 l'1,16% a 2.867,17 punti.

17.30 - CHIUSURA BORSA DI MILANO IN RIALZO

La Borsa di Milano chiude in rialzo. L'indice Ftse Mib guadagna l'1,1% a 21.520 punti.

16.07 - IL VECCHIO CONTINENTE ANCORA POSITIVO

L'apertura positiva della Borsa Usa rinvigorisce le piazze europee: Milano guadagna lo 1%, Londra lo 0,65%, Parigi lo 0,7% e Francoforte l'1,1%. A Piazza Affari regina è Unicredit, che sale quasi di 4%, seguita da Stm (+3%), Buzzi (+2,7%) e Ubi banca (+2,8%). In positivo tutta la galassia del lingotto in scia ai rinnovati rumors di aggregazioni riportati nel fine settimana dal Financial Times e dell'ipotesi, avanzata da Bloomberg, della creazione di una super piattaforma europea del comparto: Cnh (+1,8%), Exor (+2,7%), Ferrari (+1,4%) Fca (+1,6%). Nell'automotive positiva anche Pirelli (+0,8%). Saipem sale sulle voci di vendita del settore drilling (+2,2%). Prese di profitto su Tim (-1,4%) dopo la tregua tra i soci, giù anche Prysmian (-1,3%), Terna (-1,1%) e Italgas (-1%)

15.35 - APERTURA WALL STREET IN RIALZO

Apertura in netto rialzo per Wall Street con il Dow Jones che guadagna lo 0,76%, il Nasdaq lo 0,93% e l'indice S&P500 lo 0,72%.

12.39 - L'EUROPA PROSEGUE IL RIALZO

Le Borse europee proseguono in stabile rialzo con gli investitori che guardano alla ripresa della crescita cinese. Attesa anche per gli sviluppi sul fronte del commercio globale con i negoziati tra Usa e Cina. In rialzo i futures di Wall Street in attesa dell'apertura che da oggi torna alle 15:30. L'euro sul dollaro si attesta a 1,1236 a Londra. Nel Vecchio continente l'indice d'area stoxx 600 guadagna lo 0,8%. A guidare i listini europei è Francoforte (+1,2%), nel giorno in cui arrivano i dati sulla manifattura con un crollo ai minimi dal 2012. Avanzano anche Londra, Parigi e Madrid (+0,6%). A Piazza Affari Corrono Stm (+3,1%), Saipem (+2,8%) e Unicredit (+2,6%). In positivo il comparto dell'auto con Cnh (+1,8%), Exor (+2,2%), Ferrari (+1,6%), Fca (+0,8%). In terreno negativo Prysmian (-1,7%). Male Tim (-1%), dopo la pace tra i soci, Terna (-1,1%) e Italgas (-0,8%).

10.41 - I LISTINI EUROPEI CONTINUANO IN POSITIVO

Le Borse europee proseguono in stabile rialzo con gli investitori che non sembrano particolarmente preoccupati per i dati negativi sulla manifattura. A marzo l'indice pmi della Germania ha toccato il livello più basso da luglio 2012. I mercati sembrano guardare con interesse alla crescita dell'economia cinese e agli eventuali sviluppi che potranno arrivare dopo l'accordo sul commercio internazionale. L'euro sul dollaro si attesta a 1,1247 a Londra. Nel Vecchio Continente l'indice d'area stoxx 600 guadagna lo 0,9%. Francoforte (+1,2%) guida i listini europei. Bene anche Londra (+0,9%), Parigi (+0,8%) e Madrid (+0,5%). In positivo il comparto della trasformazione dei metalli (+1,8%) con Thyssenkrupp e ArcelorMittal (+4%) e Glencore (+2,5%). Andamento positivo per le banche (+1,1%) con Banco Bilbao (+1,9%), Barclays (+1,3%) e Credit Agricole (+0,9%). L'aumento del prezzo del petrolio spinge anche il settore dell'energia (+0,8%) con Shell (+0,9%), Total (+0,8%) e Bp (+0,6%).

10.14 - PIAZZA AFFARI LIMA LA CRESCITA

La Borsa di Milano (+0,5%) lima il rialzo dopo il dato in calo dell'attività manifatturiera italiana con l'indice pmi che ha aggiornato i minimi da maggio 2013. A Piazza Affari tengono le banche con Unicredit (+2,2%), Ubi (+1,1%) e Banco Bpm (+0,9%). Svettano in cima al listino Stm (+3,2%), Saipem (+3%) e Buzzi (+2,3%). Proseguono in rosso Prysmian (-1%), Enel (-0,6%) e Atlantia (-0,4%). Debole Tim (-0,2%), dopo l'assemblea e la pace tra i soci.

09.35 - MILANO CRESCE ANCORA

La Borsa di Milano (+0,75%) prosegue la seduta in rialzo, in linea con gli altri listini europei. Sui mercati c'è ottimismo sulla crescita economica globale dopo i dati confortanti sulla manifattura cinese. A Piazza Affari andamento positivo per le banche. In lieve rialzo lo spread tra Btp e Bund a 258 punti base con il rendimento del decennale italiano al 2,54%. Corre Saipem (+3,2%), dopo le indiscrezioni di stampa sull'ipotesi di cessione delle unità di perforazione offshore e onshore. Bene anche Stm (+2,4%) e Pirelli (+2,2%) e Fca (+2,3%). Debole Tim (-0,2%), dopo la pace tra i soci sancita nel corso dell'assemblea di venerdì scorso. Tra le banche si mette in mostra Unicredit (+2,9%). Bene anche Mps (+1,3%), Banco Bpm (+1,5%), Ubi (+1,3%) e Intesa (+1%). L'aumento del prezzo del petrolio spinge i titoli energetici con Tenaris (+1,8%) ed Eni (+0,2%). In rosso Prysmian (+1,2%), Atlantia e Terna (-0,4%) ed Enel (-0,3%).

09.15 - L'APERTURA DELL'EUROPA IN RIALZO

Le Borse europee aprono in rialzo la prima seduta della settimana. Tra gli investitori torna la fiducia sulla crescita globale dopo i dati positivi sulla manifattura cinese. Sullo sfondo grande attesa per l'accordo tra Usa e Cina sul commercio internazionale che darà impulso all'economia. Sul fronte valutario l'euro sul dollaro si attesta a 1,1230 a Londra. L'indice d'area stoxx 600 guadagna lo 0,7%. In positivo Parigi (+0,82%), Francoforte (+0,79%), Madrid (+0,7%) e Londra (+0,54%).

09.05 - SPREAD IN CRESCITA A 258 PUNTI

Il differenziale Btp-Bund ha aperto in forte crescita a 258 punti, +7,50 dai 255 di venerdì 29 marzo. Il rendimento del decennale italiano sale al 2,54%.

09.02 - APERTURA BORSA DI MILANO POSITIVA

La Borsa di Milano ha aperto in rialzo. L'indice Ftse Mib guadagna lo 0,55% a 21.404 punti.

08.40 - CHIUSURA ASIA IN RIALZO

Borse asiatiche in rialzo con il clima positivo dopo i dati sulla manifattura cinese che vendono a sorpresa la prima crescita in 4 mesi. Sullo sfondo resta l'ottimismo per le trattative sul fronte commerciale con il dialogo tra Usa e Cina. La gran parte degli indici asiatici ha fatto segnare la miglior crescita di seduta da gennaio. In rialzo Tokyo (+1,4%). Volano i listini cinesi con Shanghai (+2,5%), Shenzhen (+3,4%), Hong Hong (+1,6%). Bene anche Mumbai (+0,8%). Sul fronte macroeconomico in arrivo sull'indice pmi manifatturiero dell'eurozona, di Italia, Francia, Germania e Spagna. In tarda mattinata si conoscerà anche lo stato di salute della disoccupazione in Italia e l'inflazione nell'eurozona. Dagli Stati Uniti previste le vendite al dettaglio, l'indice manifatturiero finale e le scorte delle imprese.

04.30 - APERTURA SHANGHAI POSITIVA

Le Borse cinesi aprono la seduta in territorio positivo: l'indice Composite di Shanghai sale nelle prime battute dello 0,68%, a 3.111,66 punti, mentre quello di Shenzhen segna un progresso dello 0,72%, a quota a 1.707,34.

1 Aprile Apr 2019 0601 01 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso