Spread Btp Bund in calo a 190 punti
Spread e mercati
Borsa Italiana Oggi Spread In Tempo Reale Spread 10 Aprile

La Borsa italiana e il valore dello spread del 10 aprile 2019

Piazza Affari chiude invariata a 21.671 punti. Deboli le banche. Il differenziale Btp-Bund si ferma a quota 243. Contrastate le Borse europee. I mercati in diretta.

  • ...

La Borsa di Milano perde smalto e archivia la seduta del 10 aprile invariata (0,0%), dopo che la Bce non è intervenuta sui tassi d'interesse e l'Fmi ha invitato l'Italia a ridurre il debito pubblico.

Lo spread Btp-Bund si è fermato a 243 punti base. A Piazza Affari banche deboli: si sono messe in mostra Bper (+0,7%), Ubi (+0,3%) e Banco Bpm (+0,1%), mentre hanno chiuso in calo Unicredit (-0,9%), Mps (-0,8%) e Intesa (-0,6%). In fondo al listino Cnh (-1,6%) e Unipol (-1,5%). In cima al listino principale Campari (+1,7%). Bene anche Italgas e Pirelli (+1,1%), Hera (+1%). Contrastate le Borse europee, che hanno terminato le contrattazioni in ordine sparso. A guadagnare sono rimaste Francoforte (+0,47%) e Parigi (+0,25%), piatte Londra (-0,05%) e Madrid (-0,01%). Wall Street procede in altalena. Il Dow Jones perde lo 0,11% a 2.121,26 punti, il Nasdaq sale dello 0,34% a 7.953,60 punti mentre lo S&P 500 avanza dello 0,07% a 2.880,42 punti.

LO SPREAD HA CHIUSO A 243 PUNTI BASE

Lo spread Btp-Bund ha chiuso a 243 punti base, con il rendimento del decennale italiano al 2,41%.

BORSE A DUE VELOCITÀ IN ASIA E PACIFICO

Borse a due velocità in Asia e nel Pacifico dopo il rallentamento degli ordini di macchinari in Giappone, saliti dell'1% al di sotto delle stime degli analisti. Tokyo ha ceduto lo 0,53%, in lieve rialzo Taiwan (+0,15%), bene Seul (+0,49%), poco mossa Sidney (+0,03%), al pari di Hong Kong (-0,11%), ancora aperta insieme a Shanghai (+0,74%) e Mumbai (-0,19%). Positivi i futures sull'Europa e sugli Usa nel giorno in cui si riunisce il direttivo della Bce sui tassi, con la tradizionale conferenza stampa del presidente Mario Draghi , mentre in serata la Fed diffonde i verbali dell'ultimo Comitato federale.

L'ANDAMENTO DEI MERCATI IN TEMPO REALE

17.38 - CHIUSURA DI MILANO PIATTA

La Borsa di Milano chiude piatta. L'indice Ftse Mib ha concluso la seduta invariato a 21.671 punti.

15.40 - APERTURA POSITIVA PER WALL STREET

Apertura in rialzo per Wall Street, col Dow Jones che guadagna lo 0,17%, il Nasdaq lo 0,16% e l'indice S&P500 lo 0,20%.

13.58 - LE BORSE EUROPEE ALLUNGANO IL PASSO

Allungano il passo le borse europee dopo la decisione, peraltro attesa, del Direttivo della Bce di lasciare i tassi invariati. In attesa della tradizionale conferenza stampa del presidente Mario Draghi Londra gira in positivo (+0,03%), Parigi, Francoforte guadagnano lo 0,4%, Milano lo 0,35% e Madrid lo 0,25%. Si confermano positivi i futures su Wall Street in attesa dei verbali dell'ultimo Comitato Federale della Fed. Il rialzo delle quotazioni del greggio (Wti +0,67% a 64,41 dollari al barile) favorisce Omv (+2,2%), Repsol (+2%) e, in Piazza Affari, Saipem (+1%), Tenaris (+0,76%) ed Eni (+0,45%). Sprint delle utility Edf (+3,9%) e Fortum (+3,37%) in vista di possibili rincari dei certificati verdi dell'Ue. Segno meno in campo automobilistico per il produttore di pneumatici Nokian Renkaat (-6%) e i produttori di componenti Dometic (-2,8%) e Valeo (-1,6%). In controtendenza Pirelli (+0,6%). Sprint del colosso britannico della distribuzione Tesco (+2,5%) dopo conti migliori delle stime degli analisti.

13.10 - PIAZZA AFFARI PROSEGUE IN RIALZO

Prosegue in rialzo Piazza Affari (Ftse Mib +0,25%) con lo spread sceso di nuovo sotto la soglia dei 240 punti. In evidenza Saipem (+1,65%), Tenaris (+1%) ed Eni (+0,6%), con il greggio Wti vicino ai 64,5 dollari al barile (+0,7%). Acquisti su Stm (+1%), in linea con l'intero settore dei microchip nel Vecchio Continente, mentre tenta il rimbalzo Prysmian (+0,55%) all'indomani di uno scivolone per i problemi legati all'elettrodotto Western Link Scozia-Galles. In rialzo tra i bancari Ubi (+1%) dopo l'assoluzione degli ex-vertici e manager di Iw Bank, imputati a Milano per ostacoli alla vigilanza di Bankitalia. Più caute Banco Bpm (+0,7%), Unicredit (+0,47%), alla vigilia dell'assemblea, e Intesa(+0,13%). Deboli Amplifon (-1,24%), Ferragamo e Unipol (-1% entrambe), in lieve progresso Tim (+0,35%). Fanno il botto l'editoriale Netweek (+11,11%) e Tiscali (+6,5%), mentre scivolano Chl (-7,78%), Risanamento (-3,31%) e Beghelli (-2,89%). Contrastate Astaldi (-2,59%) e Salini Impregilo (+0,36%)

11.14 - BENE L'ASTA DEI BOT A UN ANNO: TASSO ALLO 0,07%

Il Tesoro ha venduto tutti i 6 miliardi di euro di Bot a un anno offerti in asta, con tassi in lieve rialzo. Il rendimento medio è salito allo 0,070% dallo 0,060% del collocamento di marzo. La domanda ha raggiunto i 9,56 miliardi di euro con un rapporto di copertura in aumento a 1,59 da 1,51 precedente.

9.54 - SHANGHAI CHIUDE IN POSITIVO

Chiusura contrastata per le Borse cinesi: l'indice Composite di Shanghai recupera le perdite iniziali e termina la seduta in rialzo dello 0,07%, a 3.241,93 punti, mentre quello di Shenzhen cede lo 0,21% e si attesta a quota 1.779,28.

9.12 - MERCATI EUROPEI CAUTI IN AVVIO DI GIORNATA

Avvio di seduta cauto per le principali Borse europee. Parigi e Francoforte hanno aperto con un rialzo dello 0,12%, la prima a 5.442 punti e la seconda a 11.864 punti. In lieve calo Londra (-0,1% a 7.417 punti).

9.04 - APERTURA POCO VARIATA PER LA BORSADI MILANO

Avvio di seduta poco variato per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib segna un rialzo dello 0,07% a 21.686 punti

10 Aprile Apr 2019 0607 10 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso