Italia Recessione
L'Italia in recessione
Debito Pubblico Italiano Oggi

Il debito ha toccato nuovi record a febbraio 2019 a 2.363,6 miliardi

Il passivo delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 200 milioni sul mese precedente. Rivisto al rialzo anche il dato per il 2018: 5,3 miliardi. Il bollettino di Bankitalia.

  • ...

Un altro record (negativo). A febbraio 2019 il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di circa 200 milioni rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.363,68 miliardi e toccando un nuovo picco.

È quanto emerso dal bollettino di Bankitalia su finanza pubblica, fabbisogno e debito. A gennaio il dato, grazie alle revisioni che riflettono l'ampliamento del perimetro delle amministrazioni pubbliche definito dall'Istat in accordo con l'Eurostat, era stato rivisto al rialzo a 2.363,49 miliardi.

RIVISTO AL RIALZO IL DEBITO DEL 2018

Inoltre il debito pubblico è stato rivisto al rialzo rispetto ai dati diffusi il 15 marzo, di 0,8 miliardi nel 2016, 5,5 miliardi nel 2017 e 5,3 miliardi nel 2018. Le revisioni del fabbisogno - si legge - sono di entità limitata. Il debito risulta pari a 2.321,95 miliardi pari al 132,2% del Pil. A gennaio 2019 era salito a 2.363,49 miliardi.

A FEBBRAIO ENTRATE TRIBUTARIE IN CALO

A febbraio 2019 le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 28,9 miliardi, in calo dell'1,7% (0,5 miliardi) rispetto al dato dello stesso mese del 2018.

MA TRIA VEDE UNA GRADUALE RIPRESA DELL'ECONOMIA

Nonostante questi dati non positivi, il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha tratteggiato uno scenario roseo un'intervista alla Cnbc, a margine dei lavori di Washington di Fmi/Banca Mondiale: «Abbiamo avuto problemi di rallentamento alla fine del 2018, ma già nei primi mesi dell'anno corrente gli indicatori mostrano che, gradualmente, c'è una ripresa della nostra economia. Credo che gli investitori debbano vedere il nostro solido sistema economico e produttivo».

15 Aprile Apr 2019 1109 15 aprile 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso