Mario Orfeo 121129151419
LA NOMINA
29 Novembre Nov 2012 1745 29 novembre 2012

Tg1, il cda Rai approva Orfeo alla direzione

Leone, Teodoli e Vianello ai vertici di RaiUno, RaiDue e RaiTre.

  • ...
Mario Orfeo.

Il consiglio di amministrazione della Rai ha approvato il 29 novembre la nomina di Mario Orfeo alla direzione del Tg1, per cinque voti a quattro.
Hanno votato contro Luisa Todini, Antonio Pilati, Gherardo Colombo e Benedetta Tobagi.
LEONE A RAIUNO. Nello stesso giorno, sono stati eletti i direttori dei tre canali principali dell'azienda, per i quali è stata prevista l'operatività del ruolo a partire dall'1 gennaio 2013.
Leone, votato all'unanimità in cda, ha lasciato la direzione di Rai Intrattenimento, struttura oggi cancellata, per prendere il posto a RaiUno di Mauro Mazza, destinato alla presidenza di Rai Cinema.
Via libera unanime anche per Vianello per succedere alla guida di RaiTre ad Antonio Di Bella, prossimo corrispondente da Parigi.
TRE NO PER TEODOLI. Con sette voti favorevoli e i no di Tobagi e Colombo è passata, invece, la nomina a RaiDue di Teodoli in sostituzione di Pasquale D'Alessandro, che dovrebbe guidare un canale digitale.
Il membro della Commissione di Vigilanza Rai, Nello Formisano, ha commentato positivamente la decisione: «Un giornalista di indubbia professionalità. Ci auguriamo», ha sottolineato, «che Orfeo possa continuare sulla stessa strada alla guida della testata ammiraglia del servizio pubblico radiotelevisivo».
LUPI RICONOSCE I MERITI DI MACCARI. Secondo il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi, il nuovo direttore del Tg1 «ha già dato prova di professionalità. Ad Alberto Maccari», ha proseguito Lupi, «va riconosciuto il merito di aver guidato con autorevolezza ed esperienza il primo telegiornale italiano. Un'informazione non urlata e non autoreferenziale è il contributo più prezioso che il servizio pubblico può fornire al Paese».
SODDISFAZIONE BIPARTISAN. Nel corso della giornata del 29 novembre i commenti si sono susseguiti, e sono stati positivi da parte di tutti gli schieramenti politici. Secondo il deputato del Partito Democratico, Giorgio Merlo, è stata scelta «professionalità e competenza per le nuove nomine Rai senza ipoteche politiche e di schieramento. Elemento, questo, che dovrà essere adesso rigorosamente rispettato e declinato anche nella prassi quotidiana».
Il senatore del Pdl Altero Matteoli si è detto «certo che Orfeo saprà mettere a frutto le sue riconosciute qualità di equilibrio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso