Sole24ore Consob Treu Napoletano Benedini
10 Agosto Ago 2018 1533 10 agosto 2018

Sole 24 Ore, Consob contesta falso in bilancio e manipolazione del mercato

In una dettagliata lettera di 56 pagine sotto accusa finiscono l’ex ad Treu, il direttore Napoletano, e i manager Arioli, Biella e Matteo. A settembre l’atteso pronunciamento della procura milanese.

  • ...

Nell’ottobre 2016, e a più riprese, la Consob aveva mandato i suoi ispettori nella sede milanese del Sole 24 ore di via Monte Rosa. Poco più di un anno e mezzo dopo, il risultato del lavoro investigativo è racchiuso in una lettera di minuziose contestazioni e ricostruzioni mandata ai legali rappresentanti della casa editrice (che hanno dato pubblica informazione della ricevuta notifica riservandosi di presentare proprie controdeduzioni scritte) e ovviamente a coloro che furono protagonisti di quella stagione, i quali nel frattempo hanno lasciato la società. Lettera43.it ha potuto leggere le 56 pagine in cui l’autorità che vigila sulla Borsa ha contestato a vertici e dirigenti il reato di falso in bilancio e manipolazione del mercato. Sono accuse molto gravi e circostanziate, per le quali è prevista una pesante sanzione amministrativa, e sono le stesse su cui sta da tempo indagando la procura di Milano con un'inchiesta coordinata dal sostituto Fabio de Pasquale. Il quale ora dovrà decidere (i termini scadono a settembre) se chiedere o meno il rinvio a giudizio.

TREU, NAPOLETANO, ARIOLI, MATTEO E BIELLA COINVOLTI NELL'INCHIESTA

Cinque i nomi coinvolti, come detto tutti ex: l’amministratore delegato Donatella Treu, il direttore del quotidiano Roberto Napoletano, il direttore finanziario Massimo Arioli, il responsabile dell’area vendite Alberto Biella, la responsabile del digital business Anna Matteo, passata nel frattempo a Oviesse. Tra i nomi messi nel mirino dalla Consob non compare quello di Benito Benedini. Alcuni dei manager interrogati sarebbero stati concordi nel confermare che il presidente era all’oscuro delle copie gonfiate e della triangolazione di finti abbonamenti con la società inglese D Source. Ovvero delle procedure fraudolente messe in atto per alterare i dati di diffusione del giornale, falsando di conseguenza i rapporti con gli investitori pubblicitari ai quali venivano forniti numeri non veritieri.

Roberto Napolietano.

BENEDINI INDAGATO PER LA CESSIONE DI BUSINESS MEDIA

Su Benedini sta autonomamente indagando la procura di Milano in merito al ruolo avuto nella vendita del ramo d’azienda Business Media alla società Tecniche Nuove. Un’operazione in cui il Sole 24 ore ha dato agli acquirenti una dote di 12 milioni di euro, preferendo la loro offerta a quella del Gruppo Lswr di Giorgio Albonetti e Roberto Frassinelli che di milioni ne chiedeva 1,5. I destinatari della lettera avranno ora 30 giorni di tempo per rispondere alle contestazioni della vigilanza. Secondo indiscrezioni raccolte da Lettera43.it alcuni di loro avrebbero chiesto una proroga per l’assenza dei legali nella pausa agostana.

Leggi laa replica di Roberto Napoletano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso