Panorama Verita Pd Anzaldi
Media
12 Ottobre Ott 2018 1117 12 ottobre 2018

L'interrogazione del Pd al governo sul caso Panorama

Il deputato Michele Anzaldi ha chiesto al premier Conte e al ministro Di Maio di occuparsi dei giornalisti della storica rivista, in sciopero contro le condizioni d'acquisto de La Verità.

  • ...

Il Pd ha deciso di schierarsi con i giornalisti di Panorama. La redazione della storica rivista Mondadori è in mobilitazione contro le condizioni imposte dalla società che sta comprando la testata: La Verità di Maurizio Belpietro. Il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi ha presentato un'interrogazione parlamentare in commissione Cultura al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro del Lavoro Luigi Di Maio per accertarsi che la battaglia dei giornalisti venga seguita dal governo. «Si chiede di sapere», ha scritto Anzaldi, «se il governo risulti essere a conoscenza e quali iniziative intenda assumere al fine di verificare quanto denunciato dai giornalisti di Panorama e valutare se intenda attivare un tavolo istituzionale di confronto a tutela delle garanzie contrattuali e della normativa vigente».

«NESSUNA GARANZIA PER GLI OCCUPATI»

«Le condizioni offerte prevedono una riduzione media del 45% della retribuzione senza alcuna garanzia sugli occupati», premette l'interrogazione, e «si tratta di condizioni non previste nell'ambito della cessione di ramo d'azienda e mai applicate secondo i lavoratori ad alcuna cessione di una testata del gruppo Mondadori». L'11 ottobre, l’amministratore delegato dell’editrice de La Verità, Enrico Scio, ha spiegato ai rappresentanti sindacali che una delle "clausole di sospensione" dell’offerta di acquisto di ramo d’azienda prevede il taglio del costo lordo di 960 mila euro (equivalente al 30%). Le retribuzioni verrebbero così decurtate di circa il 45%, con l’azzeramento delle qualifiche (tutti redattori ordinari) e dei superminimi aziendali e individuali. L’acquirente ha manifestato l'intenzione di assorbire tutto l’organico.

LA RIVOLTA DELLA REDAZIONE

I giornalisti hanno risposto con un duro comunicato annunciando sciopero: «L'assemblea di redazione di Panorama rigetta all'unanimità le condizioni imposte dalla società acquirente La Verità srl. Tali condizioni, non previste dalle norme per la cessione del ramo d'azienda e mai applicate ad alcuna vendita di testata della Mondadori, sono un ignobile tentativo di ricattare i giornalisti dopo anni di lavoro con la minaccia della chiusura. Chiedendo un ritorno sul sentiero della legalità e riaffermando la loro assoluta contrarietà alla svendita di un glorioso settimanale, i giornalisti di Panorama abbandonano la redazione con sciopero immediato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso