Nato a Italia, tenere sanzioni Russia
REPLICA
6 Giugno Giu 2018 1654 06 giugno 2018

La Nato avverte l'Italia: «Le sanzioni alla Russia restano»

Il segretario generale Jens Stoltenberg  replica all'apertura di Conte. E l'ambasciatore Usa: «Nessuna modifica fino a quando Mosca non cambia atteggiamento».

  • ...

Non è passata inosservata, anche oltre confine, l'apertura professata dal premier Giuseppe Conte nei confronti della Russia nel suo primo discorso in Senato. Al punto da innescare una ferma presa di posizione da parte della Nato circa la possibile revisione delle sanzioni contro Mosca. «L'Italia è uno dei nostri più forti alleati», ha detto l'ambasciatrice Usa Kay Bailey, ma «sulla Russia crediamo che le sanzioni vadano mantenute fino a quando Mosca non cambierà il suo comportamento.

«LE SANZIONI SONO IMPORTANTI». «È importante», ha aggiunto, «che i nostri alleati restino saldi su questa posizione, almeno fino a quando la Russia non cambierà atteggiamento perché altrimenti sarebbe un pessimo segnale da inviare a Mosca». «Con la Russia dobbiamo mantenere il dialogo politico, ma le sanzioni economiche sono importanti», ha spiegato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg. «Congratulazioni al neo premier italiano Giuseppe Conte, non vedo l'ora di lavorare con lui, lo incontrerò presto», ha quindi aggiunto Stoltenberg che si è «felicitato dell'impegno dell'Italia nella Nato confermato da Conte», essendo «l'Italia un alleato importante» per l'Alleanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso