Times Lega Vaccini
5 Luglio Lug 2018 1424 05 luglio 2018

Emergenza morbillo nel Regno Unito, il Times attacca Lega e M5s

Dopo l'allarme lanciato dal Public Health England su cittadini britannici contagiati in Italia, il quotidiano conservatore ha attaccato la propaganda anti-scientifica dei due partiti di governo.

  • ...

L'aumento dei casi di morbillo nel Regno Unito, una vera e propria «emergenza nazionale» secondo un allarme lanciato da Public Health England all'inizio di luglio, potrebbe in parte essere stato determinato da cittadini britannici che erano stati contagiati in Italia. A sostenerlo il giornale conservatore britannico Times in un editoriale che punta il dito contro le «campagne anti vaccini dei partiti populisti italiani Lega e Movimento 5 stelle quando erano all'opposizione».

Secondo il quotidiano, in Italia c'è stato un «aumento dei casi di morbillo che dipende da un drastico calo nelle vaccinazioni». L'editorialista prosegue poi paragonando le politiche «anti-scientifiche» di Lega e Cinque Stelle a quelle del Front National di Marine Le Pen o di Donald Trump sul cambiamento climatico. Ironia della sorte, conclude David Aaronovitch, Matteo Salvini «da una parte parla dei rischi di malattie importate dall'Africa e dall'altra porta avanti una politica che ucciderà i bambini italiani».

Il Public Health: «Attenzione a chi viaggia in Romania e Italia»

La ricerca di Public Health England risale al mese di maggio ma il 3 luglio fa è stata ripresa sul British Journal of General Practice per rivolgere un appello ai medici della mutua britannici a non sottovalutare «la minaccia del morbillo». Nello studio si sottolinea che i casi nel Regno Unito sono quasi triplicati in un anno, passando dai 247 del 2017 ai 643 in questi primi sette mesi del 2018.

I medici di Public Health non stabiliscono un legame diretto tra il nostro Paese e i contagi di cittadini britannici ma avvertono che «sono a rischio le persone, soprattutto i giovani che frequentano ambienti affollati come concerti e festival, che non hanno ricevuto due dosi di vaccino e chi, non vaccinato, deve viaggiare in Romania e Italia, dove ci sono al momento (lo studio si riferisce al periodo in cui è uscito, ndr) grossi focolai» di morbillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso