Dimissioni Boris Johnson
Mondo
9 Luglio Lug 2018 1609 09 luglio 2018

Regno Unito, Boris Johnson si è dimesso da ministro degli Esteri

Nuova tegola per il governo di Theresa May in Gran Bretagna. Dopo l'addio di David Davis, ha lasciato l'incarico anche il ministro ministro degli Esteri, in aperta polemica sulla soft Brexit della premier.

  • ...

Nuova tegola per il governo conservatore di Theresa May in Gran Bretagna. Ha annunciato le dimissioni anche il ministro degli Esteri, Boris Johnson, in polemica, come David Davis, contro la svolta negoziale soft sulla Brexit della premier (leggi anche: Altro che Brexit, le vere ragioni del caos britannico).

MAY GIÀ PRONTA A UN NUOVO NOME

L'annuncio è arrivato a pochi minuti da un intervento di fronte alla Camera dei Comuni della stessa premier sulla Brexit ora destinato a trasformarsi in una sfida nell'arena. È stato poi confermato da Downing Street, che ha annunciato l'imminente nomina di un nuovo titolare del Foreign Office, sottolineando come May abbia «ringraziato Boris» per il lavoro svolto lasciando tuttavia intendere l'intenzione di provare ad andare ancora avanti nonostante i venti di crisi sempre più evidenti.

SCENDE LA STERLINA: PAURA PER UNA CRISI DI GOVERNO

La sterlina ha azzerato i guadagni dopo le dimissioni di Johnson, che si sono aggiunte a quelle del ministro per la Brexit. I timori di una crisi di governo hanno fatto scivolare la moneta britannica sotto quota 1,33 dollari fino a un minimo di 1,3260. Rispetto all'euro, la divisa inglese passa di mano a 88,5 pence.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso