Conte Trump Deficit Italia Usa 2
Mondo
30 Luglio Lug 2018 1947 30 luglio 2018

Il deficit commerciale che divide Trump e Conte

Ammonta a 31,5 miliardi di dollari, spinto soprattutto dal comparto dell'auto. E cresce senza sosta dal 2009. In nove anni, +137%. Così il presidente Usa punta a ridurlo.

  • ...

A giudicare dalla reazione, la stoccata è arrivata senza preavviso. In pieno stile Donald Trump. Seduto nello Studio Ovale, accanto al presidente statunitense, Giuseppe Conte ha prima gongolato al riconoscimento del «fantastico lavoro» svolto finora, specialmente in relazione a «quello che state facendo sull'immigrazione legale e illegale»; quindi, ha incassato, non senza imbarazzo, la tirata d'orecchie di Trump: «Come al solito, gli Stati Uniti hanno un deficit molto grande con l'Italia», ha detto l'inquilino della Casa Bianca. «Circa 31 miliardi di dollari. Sono sicuro che lo raddrizzeremo molto velocemente». Stretta di mano, una lunga sequela di «thank you» rivolti dal primo ministro italiano all'ingombrante vicino e via all'incontro. Ma in cosa consistono, di preciso, quei 31 miliardi di dollari citati da Trump?

La cifra è il risultato della differenza tra esportazioni e importazioni sulla rotta Usa-Italia nel 2017. Stando al rapporto del Bureau of the Census, ufficio del Dipartimento del Commercio statunitense, il valore dei beni che il nostro Paese ha acquistato l'anno scorso dagli Usa s'è attestato a 18,4 miliardi di dollari. Viceversa, quello dei beni importati negli Stati Uniti dall'Italia ha sfiorato i 50 miliardi di dollari (49,9). Entrambi i dati rappresentano un record da quando, nel 1985, l'organo di censimento ufficiale del governo statunitense ha iniziato le rilevazioni. Il problema, per Washington, è che a toccare i massimi storici nel 2017 è stato anche il divario tra export e import: 31,5 miliardi di dollari.

Export e import tra Italia e Usa nel 2017. Fonte: Bureau of the Census

Questa forbice, detta appunto deficit commerciale, nel caso di Stati Uniti e Italia si amplia ininterrottamente dal 2009. Allora il valore si attestava a 14,1 miliardi di dollari: in nove anni, l'aumento è stato del 137%, con il risultato che oggi il nostro Paese è al sesto posto nella classifica dei Paesi con cui gli Usa hanno il deficit maggiore. In testa c'è la Cina (375,2 miliardi di dollari), con cui Trump ha ingaggiato una guerra commerciale a suon di dazi, seguita da Messico (71,1) e Giappone (68,8). Il primo degli Stati europei è la Germania, al quarto posto con 64,3 miliardi. Nel caso dell'Italia, quel che preoccupa Trump è che la tendenza all'incremento del deficit commerciale non sembra invertirsi: nei primi cinque mesi del 2018 il dato si è attestato a 15,1 miliardi, in netto aumento rispetto agli 11,7 registrati nello stesso periodo del 2017.

Export e import tra Italia e Usa nel 2018. Fonte: Bureau of the Census

Al termine del vertice con Trump, Conte ha definito «ragionevole» la richiesta degli Usa di riequilibrare la spesa, facendo sapere che le parti «negozieranno». Tuttavia, il tema è delicato, anche perché, come spiega l'Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi), quello statunitense è «il terzo mercato di sbocco per le esportazioni italiane ed è ulteriormente cresciuto negli ultimi anni, ricevendo nel 2017 il 9% del valore complessivo delle merci esportate italiane». Guardando ai singoli settori, la fetta più consistente spetta ai veicoli di trasporto, che rappresentano nel 2017 quasi un quarto dell'intero export italiano verso gli Usa. Dopo l'incontro del 25 luglio con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, Trump ha assicurato che non aumenterà i dazi sulle auto europee. E, alla luce di questi numeri, tanto basta all'Italia per tirare un sospiro di sollievo. Almeno fino al prossimo colpo di scena.

L'export italiano verso gli Usa. Fonte: Observatory of Economic Complexity
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso