Morbillo, muore 17enne in Francia
Mondo
9 Agosto Ago 2018 1058 09 agosto 2018

Contagio di morbillo nell'ambiasciata italiana in Messico

Le autorità hanno confermato che si è ammalata una donna impegata nella sede diplomatica, suo figlio e la collaboratrice domestica.

  • ...

Tre casi di morbillo potrebbero far scoppiare una mezza crisi diplomatica tra Italia e Messico. Nella capitale centroamericana sono state ricoverate tre persone con i sintomi della malattia. Si tratta di una donna italiana di 39 anni, di suo figlio - che ha meno di un anno e che quindi non è ancora in età da vaccino - e una collaboratrice domestica che bada al bambino. La 39enne abita a Città del Messico dal 2007 e lavora all'ambasciata del nostro Paese. La conferma dei casi è arrivata direttamente dal ministero della Salute messicano che ha pubblicato una nota scrivendo che l'identificazione è arrivata direttamente dal Sistema Nacional de Vigilancia Epidemiológica (Sinave) che li ha individuati a Ciudad de México in base alle analisi dell'Instituto de Diagnóstico y Referencia Epidemiológico (InDre).

IL MINISTERO DEL MESSICO: EPIDEMIA DI MORBILLO IMPORTATA

Per il ministero si tratta sicuramente di casi da "importazione". Chi ha infettato le tre persone sarebbe infatti proveniente da un Paese fuori dal Messico, dato che in nessuno degli Stati federali sono stati registrati casi di morbillo nell'ultimo anno. Ufficialmente, infatti, il Messico ha debellato la malattia nel 1996. Negli ultimi 22 anni i 176 casi riscontrati nel Paese sono stati tutti portati da persone infettate fuori confine.

OLTRE 2 MILA CASI IN ITALIA SOLO NEL 2018

Nella sua nota il ministero ha anche voluto precisare che nel 2017 l'Oms ha registrato oltre 21 mila casi di morbillo in Europa, in aumento del 400% rispetto all'anno precedente. Non solo. La nota ha evidenziato che l'Italia lo scorso anno ha registrato un vero record dei contagi. La nota riporta 4.803 casi, anche se i dati recenti sono molto più alti e parlano di 5.006, seconda dopo la Romania, maglia nera nel Vecchio continente. Numeri preoccupati se si considera che quest'anno, dal 1 gennaio al 30 giugno, i casi segnalati in Italia sono stati già 2.029.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso