Trump Vittoria
L'America di Trump
Woodward Libro Trump Paura
TRUMPERIE
7 Settembre Set 2018 1200 07 settembre 2018

Woodward e quel ritratto di Trump che ci fa impallidire tutti

Il giornalista del Watergate nel suo nuovo libro descrive una Casa Bianca nel caos per colpa di un presidente inetto. Cose che sapevamo già. Ma intanto la nostra ansia aumenta.

  • ...

Vi ricordato il film Tutti gli uomini del presidente?, quello con un Robert Redford all’apice della sua bellezza che scopre lo scandalo di Watergate? Ecco, nella vita vera quel personaggio è Bob Woodward, giornalista storico del Washington Post, che ha vinto Pulitzer come si vincono i pelouche alle fiere di paese, che ha scritto un libro per ogni presidente americano, da Richard Nixon a Barack Obama, descrivendo il loro lavoro, le loro pecche e il modo che aveva ognuno di loro di gestire la Casa Bianca. Il suo metodo è intervistare le persone più vicine al presidente, registrando le risposte a domande scomode e ben calibrate. In precedenza, aveva anche parlato direttamente con i presidenti in carica, ma non questa volta.

VANI TENTATIVI DI CONTATTARE TRUMP

Dopo diversi tentativi di mettersi in contatto con Donald Trump, senza mai riuscirci, ha deciso di scrivere comunque un suo libro su questa nuova e controversa amministrazione, e soltanto dopo averlo scritto è riuscito finalmente a mettersi in contatto con il presidente. Lo sappiamo perché sul Washington Post di martedì 4 settembre è stata pubblicata la conversazione fra lui e Trump, in cui il giornalista ha detto di aver provato per mesi a mettersi in contatto con lui, senza successo. «Ho parlato con sei persone che mi hanno assicurato che le avrebbero chiesto di poter parlare con me, ma nessuno mi ha mai risposto», ha spiegato Woodward. «A me non dicono mai niente», gli ha risposto Trump. Contraddicendosi poi e spiegando che il senatore Graham glielo aveva accennato, ma di sfuggita. Insomma, sembra proprio che Trump non volesse parlare con il famoso giornalista, chissà poi perché.

Manifestanti contro Trump.
GettyImages

CENTINAIA DI CONVERSAZIONI CON FEDELISSIMI

Il libro si intitola Fear: Trump in the White House ed è il racconto cucito insieme dal giornalista dopo aver accumulato centinaia di conversazioni avute con le persone più vicine al presidente. «Ho provato a parlare con lei, signor presidente, senza riuscirci, ma ho parlato con tantissime persone ed è venuto fuori un libro spietato sulla sua amministrazione, e su di lei…». Replica: «Be', allora immagino che sarà un libro negativo. Ma sa, sono abituato, almeno al 50%. Ma va bene, qualche libro è positivo e qualche altro è negativo. Sembra che questo sia negativo».

DOCUMENTI NASCOSTI PER SALVARE LA PACE NEL MONDO

Lo è, mister President: è una raccolta di più di 100 ore di registrazioni su come stanno andando le cose, e stanno andando molto peggio di quanto immaginassimo. Alcuni esempi sono lampanti: il segretario della Difesa James Mattis ha confessato a Woodward che «il presidente ha un livello di comprensione riguardo la Difesa di un bambino di quinta elementare». Alcuni aiutanti della Casa Bianca hanno ammesso di aver nascosto documenti che erano sulla scrivania del presidente così che non li firmasse e non compromettesse la pace nel mondo.

UN PRESIDENTE CHE NON HA IDEA DI QUELLO CHE STA FACENDO

La Casa Bianca è stata chiamata CrazyHouse, e pare che chi lavora vicino a Trump stia proteggendo gli Stati Uniti dal presidente, che non ha assolutamente idea di quello che sta facendo. John Kelly, il capo dello staff, lo ha definito «un idiota». Molti altri invece lo hanno descritto come ignorante, incapace di ascoltare e di cambiare idea, con un comportamento pericoloso e spericolato, le cui azioni potrebbero mettere in serio pericolo il Paese.

Donald Trump.
ANSA

RIVELAZIONI SUBITO ADDITATE COME «FAKE NEWS!»

Rudy Giuliani, l’avvocato personale di Trump che sta cercando di salvarlo dalle grinfie del procuratore Robert Mueller, è stato definito dal presidente come «un bambino piccolo a cui bisogna cambiare il pannolino». Alcune cose si sapevano: si sapeva che nella Casa Bianca regna il caos, che il presidente non è per nulla preparato a fare il suo mestiere, che è corrotto e ignorante. Ma vedere nero su bianco tutte le affermazioni date da chi gli sta più vicino è agghiacciante. Ovviamente si sta cominciando con lo screditare Woodward e quello che ha scritto. «Sono storie fabbricate!», «In passato Woodward ha avuto molti problemi di credibilità!», «Fake news!».

THE DONALD NUDO E DIPINTO IN TUTTA LA SUA DISONESTÀ

Eppure questo è un libro serio, scritto da uno dei più importanti giornalisti mondiali, che ci mostra un Trump nudo, che ci costringere a leggere frasi dette dai suoi amici riguardo la sua disonestà. Sono 479 pagine di dettagli che forse poco serviranno a toglierlo dai piedi, ma che certamente faranno impallidire chi, come noi, vive già nell'ansia dal quel terribile risultato elettorale del 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso