Jp Morgan Investimento Finanza
Mondo
12 Ottobre Ott 2018 1451 12 ottobre 2018

Allarme mercati di JpMorgan: «Situazione geopolitica esplosiva»

Il numero uno della banca d'affari americana: «Le tensioni stanno esplodendo ovunque». L'analista Bremmer: «Andiamo verso la recessione che è la fine dell'ordine globale degli Usa».

  • ...

Il numero uno di JPMorgan, Jamie Dimon, ha suonato il campanello d'allarme: «Le questioni geopolitiche stanno esplodendo ovunque», ha affermato Dimon dopo aver presentato i conti del suo gruppo, esprimendo forti preoccupazioni per l'aumento dell'inflazione e per le turbolenze sui mercati finanziari. Del resto, il banchiere non è il primo ad arrivare a questa conclusione. Il 10 ottobre anche il famoso analista politico Ian Bremmer, presidente e fondatore della società di consulenza sui rischi politici Eurasia Group, aveva spiegato all'Anz Finance & Treasury Forum di Singapore che il mondo sta entrando in una «recessione geopolitica» e che l'ordine globale guidato dagli Stati Uniti è finito. «Questa recessione geopolitica è qualcosa di veramente semplice - è la fine dell'ordinamento globale guidato dagli Stati Uniti e non sappiamo ancora cosa la sta sostituendo», ha dichiarato Bremmer.

Per Dimon l'aumento dei tassi di interesse e le crescenti tensioni geopolitiche - non solo la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, ma anche le tensioni in Europa e in America Latina, compresi gli sviluppi in Italia - potrebbero «far deragliare» l'economia americana. «La crescita è ancora molto forte», ha spiegato, «e questo porta a salari più alti, creazione di posti di lavoro, spese per investimenti, più credito ai consumatori. Una situazione generalizzata che non cambierà immediatamente». «Ma», ha aggiunto il numero uno di JPMorgan Chase, «ci sono altri fattori che vanno presi in considerazione. Se i tassi vanno su perché c'è inflazione questo non è un vantaggio, ma una cosa negativa. Così come non lo sono le questioni geopolitiche che stanno divampando dappertutto». «È una lunga lista, e nessuno dovrebbe sorprendersi se poi succede qualcosa lungo la strada», ha concluso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso