Khashoggi Davos Deserto Riad
Mondo
12 Ottobre Ott 2018 1613 12 ottobre 2018

Caso Khashoggi: raffica di diserzioni alla "Davos saudita"

Media e multinazionali come Nyt, Cnn, Viacom e Uber stanno boicottando il summit economico voluto da Mbs a Riad dopo la scomparsa del giornalista dissidente.

  • ...

Il New York Times, il Washington Post, il Los Angeles Times, la Cnn, l'Huffington Post, Viacom, Hp e Uber hanno ritirato il loro sostegno alla “Davos nel deserto, il summit dei giganti della finanza e delle tecnologia in programma dal 23 al 25 ottobre a Riad, a seguito del caso di Jamal Khashoggi, il giornalista dissidente scomparso il 2 ottobre nel consolato saudita di Istanbul. L'evento, fortemente voluto dal principe ereditario Mohammed bin Salman, e di cui è annunciata la partecipazione, si terrà al Ritz-Carlton, lo stesso dove decine di dignitari sauditi sono stati tenuti in isolamento nell'ambito di una "campagna anti-corruzione" voluta proprio dal principe. A Riad sono attesi, tra gli altri, l'ad di JPMorgan Chase, Jamie Dimon, quello del Blackstone Group, Stephen A. Schwarzman. Il New York Times era uno degli sponsor dell'evento, e alcune fonti contattate dal quotidiano prevedono ci saranno altri dietrofront.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso