Michelle Obama Figlie Vitro Aborto
Mondo
9 Novembre Nov 2018 1348 09 novembre 2018

Michelle Obama ha concepito le figlie con la fecondazione in vitro

Lo confessa l'ex First Lady. La decisione dopo un aborto spontaneo 20 anni fa. 

  • ...

Dopo un aborto spontaneo, 20 anni fa, Michelle e Barack Obama sono ricorsi alla fecondazione assistita per concepire Sasha e Malia. Lo ha raccontato la stessa ex First Lady e la notizia è stata ripresa dal Washington Post. Una confessione che non stupisce più di tanto visto che martedì 13 novembre esce Becoming, il libro di memorie scritto proprio da Mrs Obama di cui l'Associated Press ha avuto una copia in anteprima.

BECOMING, UN ATTO DI ACCUSA CONTRO TRUMP

Nel libro, Michelle Obama prende di mira Donald Trump per il suo atteggiamento nei confronti delle donne. E lo attacca per la registrazione di Access Hollywood del 2005, pubblicata poco prima delle elezioni del 2016 e in cui Trump si lascia andare a commenti volgari contro le donne, vantandosi di poterle agguantare per i genitali (leggi anche: Trump, i peggiori scivoloni sessisti). «"I commenti" contenuti nella registrazione vogliono dire "posso farti del male e passarla liscia"», scrive l'ex First Lady. Nelle sue memorie, Michelle ricorda anche la notte dell'elezione di Trump quando ha saputo che il tycoon avrebbe preso il posto del marito Barack Obama nello Studio Ovale: «Ho cercato di rimuoverlo», ammette. Michelle si spinge anche oltre e accusa Trump di aver usato il linguaggio del corpo per fare "stalking" nei confronti di Hillary Clinton durante uno dei dibattiti presidenziali: Trump l'ha seguita sul palco e si è avvicinato troppo cercando di sminuire la sua presenza.

L'ACCORDO CON NETFLIX

Lo scorso maggio l'ex coppia presidenziale aveva firmato un accordo pluriennale con Netflix, sbarcando sul servizio di tivù in streaming che produce la popolare serie dedicata alla politica House of Cards. Gli Obama per Netflix produrranno serie, documentari e film tramite la loro casa di produzione Higher Ground Production. L'obiettivo sarebbe quello di raccontare storie che ispirino, creare maggiore empatia e facilitare la comprensione fra la gente. Nessun attacco diretto alla nuova amministrazione, si era detto. Invece la prima serie prodotta sarà tratta da The Fifth Risk, il libro di Michael Lewis che racconta la transizione dalla presidenza Obama a quella Trump e il caos in cui è precipitato il dipartimento dell'Energia, dell'Agricoltura e del Commercio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso