Frank Magnitz Afd Brema
Mondo
9 Gennaio Gen 2019 1630 09 gennaio 2019

La procura di Brema smentisce il pestaggio del deputato Afd

Il leader di ultradestra non sarebbe stato colpito da un oggetto contundente, ma spinto fino alla caduta. Magnitz non ricorda niente.

  • ...

L'aggressione di cui è stato vittima ha indignato tutto l'arco parlamentare tedesco. Il 7 gennaio il deputato dell'Afd in Parlamento e presidente del partito di Brema, Frank Magnitz, è stato aggredito da più persone nella città anseatica e le sue foto con il volto tumefatto hanno fatto giro della Rete. La polizia e la procura della città hanno assunto le indagini, ipotizzando una aggressione politica. Tuttavia il 9 gennaio la procura di Brema ha sconfessato la ricostruzione diffusa dal partito dell'estrema destra secondo la quale l'uomo era stato colpito con un oggetto contundente, dopo aver analizzato le riprese dalle telecamere di sorveglianza. Stando alle immagini infatti il deputato sarebbe stato spinto da dietro da tre uomini e per effetto della spinta è caduto di faccia, da qui le ferite al volto. «Presumiamo che le ferite siano da attribuire alla caduta», ha detto oggi alla Dpa il portavoce della procura Frank Passade.

Il deputato, uscito il 9 gennaio dall'ospedale, non ricorda nulla dell'accaduto ma ammette che «è improbabile, ma potrebbe essersi trattato anche di un caso di rapina», ha dichiarato a Bild. La Procura ha escluso la possibilità che Magnitz sia stato colpito con un oggetto contundente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso