Benalla Macron Passaporti
Mondo
21 Gennaio Gen 2019 1625 21 gennaio 2019

Cosa ha detto Benalla in audizione al Senato

Le dichiarazioni dell'ex fedelissimo di Macron sul caso dei passaporti diplomatici usati dopo essere stato licenziato dall'Eliseo per lo scandalo sulle violenze in Place de la Contrescarpe.

  • ...

«Non sono entrato all'Eliseo con un'effrazione. Ho partecipato a una campagna elettorale. Mi hanno assunto sulla sola base delle mie competenze e del mio savoir-faire». Alexandre Benalla, l'ex fedelissimo del presidente francese Emmanuel Macron, ha parlato nel corso di una nuova audizione cominciata nel primo pomeriggio del 21 gennaio presso la commissione d'inchiesta del Senato. «In sei mesi», ha deplorato l'ex bodyguard e uomo tuttofare di Macron, «sono riusciti a fare di me un personaggio losco, diabolico, infrequentabile». Davanti ai senatori riuniti a Parigi, ha tuttavia riconosciuto di aver commesso «un certo numero di errori». Ma «non ho mentito», ha assicurato, tornando a difendersi sulla controversa questione dei passaporti diplomatici in suo possesso anche dopo essere stato licenziato dall'Eliseo per lo scandalo legato alle violenze in Place de la Contrescarpe.

«I PASSAPORTI? SCIOCCHEZZA USARLI DOPO L'USCITA DALL'ELISEO»

«Non nascondo nessun segreto, non faccio alcun ricatto», ha assicurato l'ex fedelissimo del presidente francese che sulla questione dei passaporti ha ammesso: «Usarli anche dopo l'uscita dall'Eliseo è stata una sciocchezza». Ma «l'informazione che non potevo usare quei passaporti non mi è stata fornita», ha garantito dinanzi ai senatori. «Mi sono stati restituiti a inizio ottobre ed erano utilizzabili. Viste le polemiche, averli usati è stata una sciocchezza da parte mia». Dinanzi ai senatori, Benalla si è rifiutato di fornire l'identità della persona che gli ha fornito quei documenti, trincerandosi dietro all'inchiesta in corso. Quindi la garanzia che da Natale non ha più avuto contatti né con l'Eliseo né con il partito presidenziale La République En Marche, nonché l'auspicio di riprendere «una vita normale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso