Merkel Facebook
Mondo
1 Febbraio Feb 2019 1758 01 febbraio 2019

Angela Merkel ha detto addio a Facebook

In un breve video la cancelliera ha annunciato che non apparirà più sul social network una volta terminata la sua carriera politica. Ma non abbandonerà Instagram. 

  • ...

Con un breve video pubblicato sul suo profilo ufficiale la cancelliera tedesca Angela Merkel ha dato ufficialmente addio a Facebook. Una decisione che non desta troppa sorpresa, considerando la particolare predilezione, specialmente negli ultimi tempi, per Instagram. Merkel ha annunciato la propria intenzione di chiudere la sua pagina Facebook di pari passo alla cessione della leadership nella Cdu e alla conclusione del suo percorso politico.

«Oggi sono qui per ringraziarvi del forte supporto che avete dato a questa pagina», ha detto Merkel nella clip di poco più di 40 secondi. «Come sapete non sarò più a capo della Cdu e per questo motivo non è più necessario tenere aperto questo profilo».

UNA PAGINA DA DUE MILIONI E MEZZO DI FAN

La pagina in questione conta circa 2 milioni e mezzo di fan, più del presidente francese Emmanuel Macron e della maggior parte dei politici tedeschi. Non è caratterizzata da una fitta interazione con i seguaci, ma tenta di mettere in luce gli aspetti più "pop" della cancelliera, dalle passioni per il giardinaggio e le escursioni, all'amore per l'opera. C'è pure il suo film preferito, La mia Africa, con Robert Redford e Meryl Streep e il suo sogno: un viaggio sulla Transiberiana da Mosca a Vladivostok. In pochi minuti il video di Merkel ha ricevuto centinaia di commenti, dalla Germania e dal resto del mondo, molti positivi, molti altri un po' meno.

NESSUN ACCOUNT TWITTER PER LA CANCELLIERA

Negli ultimi tempi, in ogni caso, i post si erano fatti sempre meno frequenti. L'ultimo era sempre il video di un intervento della cancelliera alla conferenza della Cdu a dicembre. Nonostante il gran numero di aficionados Merkel non ha mai posseduto un account Twitter. La Germania ha dato negli ultimi anni parecchio filo da torcere ai colossi dei social network, rafforzando le leggi per circoscrivere hate speech e fake news.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso