Gilet gialli non incontreranno governo
La protesta dei gilet gialli
Gilet Gialli Filosofo Finkielkraut

Inchiesta sugli insulti razzisti dei gilet gialli al filosofo Finkielkraut

La procura di Parigi ha aperto un fascicolo sull'aggressione subita dall'intellettuale ebreo. L'accademico: «Ho sentito l'odio assoluto».

  • ...

La procura di Parigi ha annunciato di aver aperto un'inchiesta sulle offese antisemite di sabato al filosofo Alain Finkielkraut, a margine della manifestazione dei gilet gialli a Parigi, anche se il diretto interessato ha dichiarato di non voler sporgere denuncia. L'inchiesta è stata aperta per «offesa pubblica per origine, etnia, nazione, razza o religione».

«Non sono né una vittima, né un eroe», ha detto il filosofo, anche se si è reso conto che molti di quelli che lo offendevano erano pronti a picchiarlo. «Ho sentito l'odio assoluto», ha detto l'intellettuale a Le Journal du Dimanche, «e purtroppo non è la prima volta. Avrei avuto paura se non ci fosse stata la polizia, per fortuna erano là».

I GILET GIALLI IN PIAZZA ANCHE DOMENICA

«Sporco ebreo», «il popolo di punirà» alcuni degli insulti e delle minacce gridate da un gruppo inferocito. «Le offese antisemite di cui è stato bersaglio Finkielkraut sono la negazione assoluta di quello che siamo e di quello che fa di noi una grande nazione. Noi non le tollereremo», ha twittato in serata il presidente della Repubblica, Emmanuel Macron.

I gilet gialli sono in piazza anche domenica 17 febbraio, per la prima volta di domenica a Parigi, per i tre mesi dall'inizio dell'ondata di protesta. Il percorso prescelto è simile a quello del corteo di sabato, 14/o atto: Arco di Trionfo, Champs-Elysees, Champs de Mars, les Invalides. Gli organizzatori di questa "domenica gialla" parlano di intenzioni «pacifiche» per «tornare alle origini» del movimento.

17 Febbraio Feb 2019 1545 17 febbraio 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso