Pell Cardinale Carcere

Il cardinale Pell rischia la vita in carcere

Le autorità australiane hanno deciso che resta in isolamento fino a quando non sarà trovata una sistemazione che non lo metta in pericolo. Preoccupazione anche per le sue condizioni di salute.

  • ...

Il cardinale George Pell potrebbe essere "in serio pericolo" di vita in carcere e di fatto resta dunque in isolamento, finché le autorità carcerarie potranno elaborare procedure per proteggerlo: a quanto riferisce il quotidiano The Australian, l'ente statale responsabile delle carceri Corrections Victoria sta esaminando quando il prelato potrà essere trasferito da una struttura di massima sicurezza a una prigione più permanente, possibilmente con altri criminali sessuali.

LA VICENDA CHE HA PORTATO IL CARDINALE IN CARCERE

Pell è stato condannato dalla County Court per abusi sessuali su minori a sei anni di carcere e può chiedere la libertà su cauzione dopo tre anni e otto mesi. Era stato giudicato colpevole da una giuria in dicembre di aver abusato sessualmente di due coristi di 13 anni quando era arcivescovo cattolico di Melbourne negli anni '90, dopo aver celebrato messa nella cattedrale, e di aver aggredito sessualmente una seconda volta uno dei due minori, due mesi dopo.

DISTURBI CARDIACI, IPERTENSIONE E INSUFFICIENZA CARDIACA PER IL PRELATO

Corrections Victoria ha presentato alla corte un affidavit in cui dichiara che Pell, 77 anni, è «a serio rischio a causa del tipo di reati e del suo alto profilo». «Come rileva l'affidavit, vi sono preoccupazioni per la notorietà del condannato per e la natura di profilo estremamente alto della causa», ha dichiarato il giudice Peter Kidd nell'emettere la sentenza. «Questo solleva preoccupazioni di sicurezza. Sono consapevole che il tempo in prigione sarà impattato materialmente e negativamente a causa di questi fattori. La posizione del condannato è legata all'età avanzata e alla conseguente vulnerabilità: Il condannato potrebbe non vivere fino all'esaurimento della pena». I problemi di salute di Pell includono lunghi precedenti di disturbi cardiaci, ipertensione e insufficienza cardiaca congestizia. Secondo il quotidiano, Pell potrebbe essere trasferito in una di due strutture nell'entroterra del Victoria in cui sono detenuti in relative condizioni di sicurezza criminali sessuali e detenuti di bassa sicurezza. Una seconda opzione è la prigione di minima sicurezza di Langi Kai Kal, 150 km a ovest di Melbourne, vicino a Ballarat, città natale di Pell.

LEGGI ANCHE: Cosa succede alle finanze del Vaticano dopo la condanna di Pell

14 Marzo Mar 2019 0902 14 marzo 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso