110323125831

Benzina più cara per finanziare la cultura

Reintegrato con 149 milioni il fondo per lo spettacolo.

  • ...
Gianni Letta, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

Per finanziare il Fondo unico per lo spettacolo (Fus) e per cancellare la contestata tassa di 1 euro sui biglietto del cinema il governo ha deciso di aumentare l'accisa sui carburanti. Il rincaro, ha annunciato il 23 marzo il sottosegretario Gianni Letta, sarà nell'ordine di 1-2 centesimi.
ACCISE SU BENZINA PER FINANZIARE LO SPETTACOLO. «Il tax credit per lo spettacolo era stato finanziato con l'aumento di un euro del biglietto di ingresso al cinema che aveva preoccupato gli esercenti cinematografici», ha spiegato Letta. «Abbiamo abolito l'euro di aumento e finanziato stabilmente il tax credit con parte di un modestissimo aumento delle accise della benzina. Un piccolo sacrificio di uno o due centesimi, che tutti gli italiani saranno lieti di poter fare».
REFERENDUM IL 12 E 13 GIUGNO. Letta ha quindi precisato che il Fondo unico per lo spettacolo «ritorna ai livelli dell'anno scorso con 438 milioni, anzi qualcosa di più». Vengono stanziati «149 milioni di reintegro per lo spettacolo, 80 milioni per la conservazione dei beni culturali, 7 milioni per gli istituti culturali». Il Consiglio dei ministri ha anche deciso che le votazioni sui referendum abrogativi - nucleare, acqua e ligittimo impedimento - si svolgeranno nelle giornate di domenica 12 e lunedì 13 del mese di giugno.
PD: INACCETTABILE. Il reintegro è arrivato il 23 marzo con il decreto varato dal governo che da un respiro di sollievo al mondo della cultura. A rimpinguare le casse del Fondo Unico per lo Spettacolo ridotto nel 2011 a 258 milioni di euro, arrivano 149 milioni ricavati dalla nuova accise sulla benzina, ai quali vanno aggiunti i 27 milioni che erano stati congelati per effetto della legge di stabilità. In totale quindi 434 milioni, ai quali si aggiungono circa 90 milioni di risorse per il Tax Credit, ovvero le agevolazioni fiscali per il cinema, che diventa una misura definitiva.
«È positivo che il Cdm abbia, seppur solo in parte, finalmente fatto marcia indietro sugli insostenibili tagli al Fus ed abbia eliminato la tassa sul cinema. È tuttavia inaccettabile l'aumento dell'accisa sulla benzina per coprire gli interventi», ha detto Stefano Fassina, della segretaria del Pd e responsabile Economia e Lavoro.

24 Marzo Mar 2011 0059 24 marzo 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso