Silvio Berlusconi 110812134100

Berlusconi pensa a un videomessaggio

Prima però deve strappare un'intesa con la Lega.

  • ...
Silvio Berlusconi e Giulio Tremonti.

Una decisione non è ancora stata presa, ma soltanto l'idea di fare un videomessaggio per spiegare agli italiani la manovra «lacrime e sangue» che il governo si appresta a varare dimostra che Silvio Berlusconi intende mettere la faccia sul pacchetto di misure per uscire dalla crisi.
L'IPOTESI. L'idea di spiegare al Paese perché l'esecutivo si appresta a varare degli interventi che rischiano di essere molto impopolari circola con insistenza negli ambienti della maggioranza. Berlusconi non intenderebbe soltanto illustrare i contenuti della manovra ma anche sostenere le ragioni che lo hanno spinto a vararla. La speranza è che gli italiani capiscano che non c'erano alternative per superare una crisi che, come ha detto più volte il Cavaliere, non è solo italiana ma globale.
L'IMPORTANZA DELLA LEGA. Prima di decidere se diffondere il testo, Berlusconi deve però strappare un'intesa con il Carroccio e far approvare il decreto dal Consiglio dei Ministri. Se ottenesse il sì di Umberto Bossi alla riforma del sistema pensionistico, potrebbe varare il pacchetto già domani in un Cdm per il quale i ministri sono già stati allertati. Solo a quel punto potrebbe decidere se andare nelle case degli italiani per spiegare in prima persona la ratio dei provvedimenti. Se così fosse, il messaggio dovrebbe essere diffuso sabato o al più tardi domenica, secondo quanto riferiscono fonti della maggioranza.
I PENSIERI DEL PREMIER. In ogni caso, l'impressione è che il presidente del Consiglio stia tentando di uscire dall'angolo. Nel Pdl si sostiene che il suo umore negli ultimi giorni sia un po' migliorato: come se si fosse ormai persuaso che il pressing della Bce e dell'Europa per il varo di misure ulteriormente dolorose per il Paese non potesse essere respinto. Riconosciuto ciò, in molti lo hanno invitato a guardare alle opportunità che la manovra offre, in particolare sul fronte delle riforme.
«FARE DI NECESSITÀ VIRTÙ». Per questo, nel caso in cui dovesse decidere di fare il videomessaggio, è altamente probabile che Berlusconi punti proprio sulle innovazioni positive che saranno introdotte con la manovra per il pareggio di bilancio, a cominciare dai costi della politica. «Berlusconi non si è mai sentito un politico di professione e quindi cavalcherà questo sentimento diffuso nel Paese» riferisce un fedelissimo del Cavaliere. Difficile prevedere il responso degli italiani, ma del resto, spiega un ministro, «di alternative non ne avevamo: a questo punto è meglio cercare di fare di necessità virtù e trasformare questa manovra lacrime e sangue in un'opportunità».

12 Agosto Ago 2011 1236 12 agosto 2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso