Alema Veltroni 120902120039
LIBRI E POLITICA
2 Settembre Set 2012 1154 02 settembre 2012

D'Alema recensisce Veltroni. Fb in rivolta

Sul social network fioccano gli insulti.

  • ...
Primi piani di D'Alema e Veltroni.

Massimo D'Alema ha recensito il libro di Valter Veltroni «L'isola e le rose». Recensione pubblicata su L'Unità in edicola il 2 settembre, in cui si può leggere: «Un libro che ci riporta in un tempo cruciale della nostra vita e della nostra storia collettiva. Nel romanzo di Veltroni la metafora di una società che cerca il futuro. Il confronto generazionale e l'ambizione di tornare ad immaginare il nuovo».
La pagina Facebook de L'Unità ha dato la notizia e, da subito, sono fioccati insulti contenuti in circa 97 commenti (ma sono ancora in divenire).
LETTORI SCONTENTI. Si va da un blando quanto disarmato: «State scherzando» a reazioni decisamente più articolate. Marco, per esempio, ha commentato: «Forse si sono decisi a cambiare lavoro, uno scrittore, l'altro giornalista o velista, ma fuori, finalmente, dal parlamento...», mentre Mari si è domandata: «Se invece di scrivere libri, questi signori avessero pensato di più al paese, forse saremmo messi meglio... ma quando lavorano?».
RIMPIANGENDO I VECCHI TEMPI. Filippo ha commentato laconicamente: «Quando ero ragazzo andavo con orgoglio in edicola e compravo l'unità. Adesso ho una tale vergogna a presentarmi in edicola perché il mio edicolante mi ricorda il mio passato e si fa due sonore risate! Siete un giornale molto mediocre ed in particolare quando pubblicate queste marchette indecenti!». E Mariella ha rincarato la dose: «La gente di sinistra è a dir poco disgustata da questa gente che ha tradito la buona fede e coloro che hanno creduto in loro... lontani anni luce dai problemi dell'Italia, perdono tempo a scrivere e recensirsi... vergogna!!!».
MINACCE ELETTORALI. C'è stato anche chi, come Rita, ha messo sull'avviso i politici in merito alle scelte dell'elettorato: «Il gatto e la volpe della 'sinistra italiana' (chissà poi alla sinistra di che?!) con questi giochetti salottieri continuano ancora a prenderci per il culo.....pensano loro!!!! Vedranno invece alle prossime elezioni come riceveranno una mazzata!!!!!».
GLI IRONICI E I MENO DIPLOMATICI. Se da una parte alcuni commenti sono articolati e pieni di argomentazioni, in altri casi i lettori non hanno perso tempo e sono andati dritti al punto, come Luigi che ha liquidato la questione con un chiaro e difficilmente fraintendibile: «Fottetevi!». Mentre Carlo è meno volgare, ma altrettanto cristallino con il suo: «Pagliacci!». Alessandro invece non è caduto in volgarità ma ha preso ugualmente la sua posizione: «Invotabili».
GRAZIE NO. Infine, ci sono i lettori che hanno preferito tirarsi fuori dalla mischia, ringraziando della notizia in merito alla recensione e al libro con commenti sobri come Antonio, che di fronte all'invito de L'Unità ad acquistare giornale con recensione ha risposto un «ma anche no». Elisa è stata più gentile: «Anche no, grazie». Mentre Giuliano ha fatto sapere che «anche oggi ho risparmiato un euro e venti». Antonella, invece, non ha fatto una questione di soldi: «Manco gratis».
INSULTI E RISATE. Oltre a chi, in qualche modo, ha tentato di difendere l'opera letteraria di Veltroni e la recensione di D'Alema o, almeno, le sorti del partito «per favore finiamola di denigrare due esponenti del Pd, non facciamoci del male, non facciamo il gioco degli avversari», c'è stato chi invece è scivolato in volgarità, magari facendo dell'ironia: «Come s'intitola il libro? 'Come restare illesi dopo aver distrutto la sinistra'. Certo però bisogna avere una gran bella faccia da culo». Qualcuno ha fatto sapere che: «Nel romanzo di Veltroni la metafora di una società che cerca il futuro. Il confronto generazionale e l'ambizione di tornare ad immaginare il nuovo. Perché cancellarvi... ogni giorno mi regalate momenti esilaranti». Mentre Teresa non ha fatto mistero di come ha preso la notizia di libro e recensione: «Ahahahahahahah rotolo!!!!! L'unità ha pubblicato una grande cagata!!!».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso