Spagna 120927144322
LA SPIRALE DELLA CRISI
29 Settembre Set 2012 1525 29 settembre 2012

Spagna, incubo debito: nel 2013 al 90,5% del Pil

Nel 2011 era al 68%. Sul bilancio pesano gli aiuti a banche e regioni.

  • ...

Nubi nere all'orizzonte della Spagna. Il debito di Madrid è destinato a impennarsi oltre il 90% del Pil nel 2013, dal 68% del 2011. Sul bilancio pesano gli aiuti al settore bancario. Il ministro del Bilancio, Cristobal Montoro, ha rassicurato: non ci saranno nuove tassi e tagli di spesa. Madrid, infatti, dovrebbe finanziarsi emettendo titoli nel 2013 per oltre 203 miliardi.
Il rapporto debito - Pil iberico, secondo i dati contenuti nel documento presentato dal Ministero del Bilancio del 29 settembre e riportati da Bloomberg, mostrano una crescita all'85,3% per il 2012 (contro le precedenti stime dell'80%) e al 90,5% per il prossimo anno.
«La notevole crescita», è scritto, «è legata all'aumento del debito in scia alla crisi economica e agli effetti degli aiuti di stato nei conti di bilancio pubblico», fra i quali anche il sostegno alle Regioni in crisi di liquidità.
Il ministro Montoro, anche alla luce delle proteste di piazza degli ultimi giorni, ha prova a sedare timori di nuovi salassi per i consumatori, annunciando che non ci saranno nuove tasse e tagli, ma si è tolto anche un sassolino dalla scarpa nei confronti dell'Europa: «Non siamo nell'euro per finanziarci a questi tassi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso