Scelta Europea Alde 140307172803
POLITICA
5 Aprile Apr 2014 1844 05 aprile 2014

Elezioni Ue, Verhofstadt lancia «Scelta europea»

«Unica alternativa ai grandi partiti».

  • ...
Scelta europea è la lista italiana dell'Alleanza dei liberali democratici europei (Alde). Dentro 14 tra partiti e associazioni.

Una lista che sceglie l'europeismo, contro destra e sinistra. Un'Ue liberale e federale per uscire dalla crisi, rilanciare crescita e occupazione e combattere sia i facili populismi sia le soluzioni sterili di destra e sinistra. Guy Verhofstadt (Alde) ha presentato a Roma il simbolo e i partiti che aderiscono a 'Scelta Europea', la lista destinata a sostenerlo nella corsa per le Europee e per la candidatura alla presidenza della Commissione. E ha lanciato il suo manifesto politico.
PER UN'EUROPA FEDERALE. «Siamo qui per presentare una soluzione concreta ai problemi dei cittadini», ha esordito l'ex premier belga, convinto che bisogna «dire no a un'Europa dove prevalgono gli stati più forti e non gli interessi comuni» e guardare a un futuro nel quale «solo con un'Europa federale e liberale potremo uscire dalla crisi e riaffermare il modello sociale europeo».
'Scelta Europea con Guy Verhofstadt' si è letto nella metà superiore del simbolo, 'rimaneggiato' in nottata per inserire Scelta Civica che ha formalizzato il 5 aprile sera la sua adesione. Nella metà inferiore ci sono i simboli delle tre principali formazioni che lo hanno sostenuto: 'Centro Democratico', 'Scelta Civica', 'Fare per fermare il declino'.
«UNICA ALTERNATIVA A GRANDI PARTITI». I liberaldemocratici sono l'unica alternativa ai grandi partiti come «Pd e Forza Italia che sono alla base delle malattie dell'Italia e dell'Europa», ha sostenuto Verhofstadt che si scaglia contro «i popolari che credono nello status quo, i socialisti che vogliono creare altro debito, i populisti che incitano all'intolleranza».
Gianluca Susta (Sc) ha spiegato che la scelta di adesione è «un segnale unitario di convergenza verso la famiglia liberaldemocratica» per «superare il consociativismo che ha paralizzato l'Europa». Bruno Tabacci (Centro democratico) ha ritenuto «ridicolo» lo sbarramento al 4%.
IRONIE SU BERLUSCONI. E mentre Santo Versace, ('Fare per fermare il declino') ha ironizzato su Silvio Berlusconi e sulle mancate leggi contro la corruzione, il presidente emerito della Corte costituzionale Giovanni Maria Flick ha detto della sua possibile candidatura: «da rottamato sono orgoglioso di essere un ex che vuole lavorare ancora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso