Irpef 140528211801

Irpef, ok a bonus esteso a famiglie numerose

Per il governo la misura è destinata a passare. Rischio ricorso Rai.

  • ...
Decreto Irpef, ok al bonus per le famiglie numerose. Rischio ricorso Rai

Il governo condivide l'esigenza di allargare alle famiglie monoreddito più numerose, quelle che hanno dai tre figli in su, il bonus di 80 euro. La misura quindi appare destinata a passare. L'esecutivo ha inoltre precisato che gli eventuali maggiori introiti provenienti dalla lotta all'evasione fiscale, e che devono diventare permanenti, anche dopo il biennio 2014-2015 devono essere usati per ridurre il peso del carico fiscale.
LA RAI CONTRO I TAGLI. Intanto però sul provvedimento è pendente il rischio di un ricorso da parte della Rai, il cui consiglio d'amministrazione deve decidere il da farsi nella riunione del 12 giugno. Il 3 giugno, quando il decreto approda in Aula, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno convocato una conferenza stampa nella quale intendono illustrare i «rischi per il servizio pubblico radiotelevisivo» derivanti dal prospettato taglio di 150 milioni di euro.
VERSO OK DA COMMISSIONI. Il decreto, comunque, nonostante tale rischio si avvierebbe «a vele spiegate» verso l'ok delle commissioni Bilancio e Finanze del Senato. A Palazzo Madama i senatori hanno deciso di velocizzare le operazioni per arrivare all'approvazione del testo entro la sera di giovedì 29 maggio, come da programma. Dopodiché Montecitorio a sua volta dovrebbe avere solo pochi giorni a disposizione per fare le ultime modifiche, necessariamente minimali e definite «chirurgiche», perché il decreto decade il 23 giugno.
LEGGE DI STABILITÀ TRAGUARDO FINALE. Il governo punta infine alla legge di stabilità per rendere permanente l'intervento di riduzione fiscale. Ma anche per allargare la platea a pensionati e incapienti, come ha ribadito il viceministro Enrico Morado. Che sul fronte del reddito minimo garantito ha fatto sapere che il governo valuta «interventi con misure di sostegno al reddito» da inserire «nella legge di stabilità».
TASI, DECRETO IN ARRIVO. Altro tema è quello della Tasi. Per lo slittamento a ottobre nei Comuni che non hanno ancora deliberato l'aliquota, si sta per varare «uno specifico provvedimento d'urgenza in tempi brevi». Il contenuto del decreto potrebbe essere tradotto in un emendamento al decreto Irpef. Resta ancora da votare l'emendamento di Mario Michele Giarrusso, senatore del M5s, che punta all'abolizione dei vitalizi per i soggetti condannati in via definitiva per mafia e per reati commessi contro la Pubblica amministrazione.

28 Maggio Mag 2014 1913 28 maggio 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso