Etruria: ostacolo vigilanza, assolti
Il caso Etruria
Boschi 160928181030
4 Dicembre Dic 2017 1840 04 dicembre 2017

Etruria, Maria Elena Boschi: «Azione civile contro De Bortoli»

La sottosegretaria ha deciso di chiedere i danni al giornalista, per le rivelazioni contenute nel libro Poteri forti (o quasi). «Sulla verità dei fatti è ora che si pronunci un tribunale. Perché la legge è uguale per tutti».

  • ...

Maria Elena Boschi ha deciso di chiedere i danni al giornalista Ferruccio de Bortoli, ex direttore del Corriere della Sera, per le rivelazioni sul caso Banca Etruria contenute nel suo libro Poteri forti (o quasi).

Torno di nuovo sulla vicenda Banca Etruria. Mi scuserete ma credo sia necessario. Ripeto ciò che ho sempre detto: il...

Geplaatst door Maria Elena Boschi op maandag 4 december 2017

«Ho firmato oggi il mandato per l'azione civile di risarcimento danni nei confronti del dottor Ferruccio de Bortoli», ha scritto su Facebook la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio. Per poi aggiungere: «A breve procederò anche nei confronti di altri giornalisti».

COSA HA SCRITTO DE BORTOLI. Nel suo libro, uscito a maggio del 2017, De Bortoli ha scritto: «L’allora ministra delle Riforme (Maria Elena Boschi, ndr), nel 2015, non ebbe problemi a rivolgersi direttamente all’amministratore delegato di Unicredit. Maria Elena Boschi chiese quindi a Federico Ghizzoni di valutare una possibile acquisizione di Banca Etruria. La domanda era inusuale da parte di un membro del governo all’amministratore delegato di una banca quotata. Ghizzoni, comunque, incaricò un suo collaboratore di fare le opportune valutazioni patrimoniali, poi decise di lasciar perdere».

BUFERA SUL PROCURATORE ROSSI. La mossa della sottosegretaria arriva nel pieno della piena bufera politica che ha investito il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, accusato dalle opposizioni di aver taciuto sulla nuova inchiesta a carico di Pier Luigi Boschi, padre di Maria Elena, nel corso della sua audizione in commissione d'inchiesta.

«Mi spiace dover adire le vie legali contro alcuni giornalisti, non lo avevo mai fatto prima. Nemmeno in presenza di affermazioni evidentemente diffamatorie. Ma credo che sia ormai necessario farlo perché sulla verità dei fatti si pronunci un tribunale in nome della legge. Perché la legge è uguale per tutti, davvero», ha scritto ancora su Facebook Maria Elena Boschi.

L'ACCUSA: «VICENDA USATA PER ATTACCARE ME E IL PD». Chi ha sbagliato ad Arezzo «ha pagato e pagherà. Spero che accada anche altrove. Ma se vogliamo difendere i cittadini che hanno perso i risparmi da Ferrara a Vicenza, nelle Marche come in Toscana, dobbiamo verificare le vere responsabilità. Noi siamo interessati agli atti, non alle strumentalizzazioni. Qualcuno usa questa vicenda da due anni per attaccare me e il Pd. Io penso che sarebbe più giusto fare chiarezza sugli errori fatti da tanti per non sbagliare più».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso