Elezioni: Viminale, 75 simboli ammessi
Elezioni 2018
Le Figaro Elezioni
Politica
Aggiornato il 05 marzo 2018 4 Marzo Mar 2018 2350 04 marzo 2018

Elezioni, i risultati del voto in Italia visto dalla stampa straniera

I media internazionali raccontano il voto italiano e soprattutto la mancanza di una forza politica in grado di raggiungere una maggioranza. Il britannico Guardian evidenzia il boom del M5s. E Le Figarò punta sul ritorno di Berlusconi.

  • ...

È l'istantanea di un "parlamento appeso" e di un'Italia senza maggioranza quella che i grandi media internazionali hanno consegnato al mondo dopo i primi dati diffusi alla chiusura dei seggi. Dalla Bbc al Wall Street Journal, dalla Reuters a El Pais a Le Monde al Guardian, titoli e tweet puntano sulla vittoria della coalizione di centrodestra e sull'affermazione del Movimento 5 stelle, senza che però sia garantita la governabilità.

In primo piano anche il "pieno" dei partiti antieuropeisti. «Le elezioni italiane consegnano un parlamento appeso» un «hung parliament», ha twittato la Reuters. Sulla stessa linea la Bbc, che ha parlato di «Parlamento appeso con gli anti-establishment del M5S primo partito e la coalizione di centrodestra in testa». In Italia «non emerge alcuna maggioranza, i partiti anti-europei fanno il pieno», scrive Le Monde. E l'Afp cinguetta «la coalizione di centrodestra in testa nel voto italiano, ma la maggioranza è incerta secondo gli exit poll».

«I sondaggi prevedono un blocco politico in Italia», è l'apertura del Pais che ha parlato di «imprevedibile scenario di alleanze». «Nessuna maggioranza nelle elezioni italiane» è la lapidaria apertura della Cnn, che evidenzia come gli «anti-establishment» M5S «probabilmente conquistano la maggioranza dei seggi». Per il Wall Street Journal «la mancanza di un vincitore assoluto farebbe del gruppo dell'ex premier Berlusconi la più grande coalizione in parlamento, ma non ci sarebbe una maggioranza assoluta». Anche il Guardian non vede «una vera maggioranza» dopo «una delle più incerte elezioni» degli ultimi anni e per il Financial Times «Berlusconi e i Cinquestelle si disputano il primo posto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso