Casaleggio, Rousseau? Attacco politico
12 Marzo Mar 2018 2120 12 marzo 2018

La Casaleggio srl assume: i dipendenti li pagano i parlamentari M5s

L'azienda cerca un “Consulente digital strategy”. E tramite Rousseau riceverà 300 euro al mese dai 333 neoeletti grillini. Fanno quasi 6 milioni in 5 anni. Così un'azienda privata può "ricattare" deputati e senatori.

  • ...

Su Linkedin è apparso l'annuncio di assunzione da parte della Casaleggio Associati di un nuovo “Consulente digital strategy”. Non sarebbe una notizia se non fosse che l'azienda in questione ha il potere di indire una votazione per determinare quale sia il candidato premier del principale partito italiano.

PERSONALE CHE AUMENTA. Non c'è nessuno scoop dietro al messaggio della Casaleggio, preceduto da quello delle numerose assunzione per lo staff di Camera e Senato del Movimento 5 stelle al parlamento. La truppa degli eletti è più che raddoppiata ed è quindi giusto che anche il personale dei gruppi aumenti. Quel che fa invece riflettere è il concomitante annuncio dell'azienda che ha fatto sottoscrivere a tutti i 333 eletti un contratto che prevede il versamento di 300 euro al mese in favore dell'Associazione Rousseau per cinque anni, la durata della legislatura.

UN UNICO SOCIO, CASALEGGIO. L'unico socio di Rousseau, detentrice dell'omonima piattaforma di democrazia diretta, è lo stesso titolare della Casaleggio Associati, ossia Davide Casaleggio. Quest'ultimo quindi è destinato a ricevere 99.900 euro al mese dai grillini eletti per gestire, come da lui sostenuto, le spese per la democrazia diretta.

L'annuncio della Casaleggio.

Assumere un consulente di strategia digitale significa volere un altro di quei ruoli atti a incrementare il traffico e l'utenza dei clienti

Peccato che nonostante gli attacchi hacker dell'estate 2017 e la relativa relazione del Garante della Privacy, che aveva bocciato le norme di sicurezza per la conservazione dei dati degli utenti, Casaleggio al momento non sembra voler assumere alcun esperto di sicurezza di sistemi informatici, bensì un “consulente di strategia digitale”, che tradotto vuol dire: un altro di quei ruoli atti a incrementare il traffico e l'utenza dei clienti della Casaleggio.

COSTO ZERO? LONTANO RICORDO. Sicuramente con 99.900 euro mensili, cioè 5 milioni 994 mila euro in cinque anni, da oggi Casaleggio potrà permettersi molti più dipendenti. È però curioso notare come d'improvviso la democrazia diretta online sia passata da costo zero a quasi 100 mila euro di costi al mese, e la candidatura di ogni eletto sia passata da “gratis” a “18 mila euro in 5 anni”.

L'ELETTO NON HA CONTROLLO. È vero che le altre formazioni politiche chiedono una cifra maggiore come obolo, ma è anche vero che vanno al partito, non a un'azienda privata. Per quanto possa essere ritenuto per alcuni immorale, pagare una quota del proprio stipendio al partito è diverso che dare soldi ad un'impresa sulla quale l'eletto non ha nessun controllo e, al contrario, quell'impresa ha il controllo quasi totale su quell'eletto.

Altro che Berlusconi: ingrandire il proprio staff e fare impresa in questo modo è una delle più grandi innovazioni di Casaleggio

Di conseguenza si evince che ingrandire il proprio staff e fare impresa in questo modo è sicuramente una delle più grandi innovazioni che Casaleggio ha portato nel mondo della politica e dell'impresa. Sicuramente più raffinato di Silvio Berlusconi. Casaleggio infatti in politica non ci è dovuto nemmeno entrare e nemmeno metterci la faccia.

RISCHIO DI GOGNA MEDIATICA. Ma cosa succederebbe se d'improvviso alcuni parlamentari si rifiutassero di pagare i 300 euro al mese alla Casaleggio srl? A livello legale nulla, ma verrebbero sicuramente espulsi dal gruppo parlamentare per esser contravvenuti a un impegno che sono stati obbligati a firmare, con conseguente gogna mediatica (che abbiamo già visto un passato) proveniente proprio dal blog gestito dalla Casaleggio srl.

PROBLEMA DI RICATTABILITÀ. «Ma se non erano d'accordo potevano evitare di candidarsi al parlamento», è la tipica frase in difesa dell'operato della Casaleggio srl. E la risposta è: esatto, ma quindi possiamo dire che questa non è libertà politica? Possiamo dire che tutto ciò significa porre sotto ricatto i rappresentanti del popolo italiano? Non si parla soltanto di “non candidatura”, ma il ricatto è anche l'espulsione dal gruppo nel caso in cui non si rispetti un contratto che non ha alcun valore legale. E pensare che Beppe Grillo, attaccando i partiti, diceva: «Se non sei ricattabile non ti candidano».

*Ex attivista e collaboratore parlamentare alla Camera per il Movimento 5 stelle

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso