Salvini Maio
Trattative M5s-Lega
Contratto Governo
Politica
18 Maggio Mag 2018 1019 18 maggio 2018

Governo, contratto M5s-Lega al voto su Rousseau

Operazioni in corso fino alle 20. Di Maio: «Se mi date l'ok firmo». Ma la piattaforma è sovraccarica. Intanto la Lega cresce al 25,2% nei sondaggi. E il 27,1% degli italiani chiede di modificare le norme sul lavoro.

  • ...

Il Movimento 5 stelle chiama gli iscritti al voto sul contratto di governo messo a punto con la Lega (leggi i risultati della votazione). Le operazioni sono cominciate alle 10 e andranno avanti fino alle 20 del 18 maggio. Sul Blog delle Stelle è stata pubblicata la versione ufficiale dell'accordo, 55 pagine in formato pdf. «Qualcuno fa il conto della serva sul nostro programma e chiede dove sono le entrate», ha detto Luigi Di Maio in un video su Facebook, «sono nei margini che dobbiamo andarci a riprendere in Ue per poter spendere soldi e negli investimenti ad alto moltiplicatore che abbiamo previsto» (leggi anche: Quanto costa il contratto di governo: sul piatto oltre 100 miliardi).

Nel post sul Blog delle Stelle che annuncia l'apertura delle votazioni, sempre Di Maio scrive: «Sono davvero felice perchè in questo contratto non ci sono solo delle proposte, non c'è solo un'idea di Paese, non ci sono solo le nostre battaglie storiche. In questo contratto ci sono le persone che ho incontrato in campagna elettorale». Poi la promessa: «Se voi deciderete che è la strada giusta da percorrere, nonostante quello che dicono tutti i giornaloni italiani e stranieri, nonostante qualche burocrate a Bruxelles, nonostante lo spread, allora come capo politico del MoVimento 5 Stelle firmerò questo contratto per far finalmente partire il governo del cambiamento» (leggi anche: Ecco com'è cambiato il contratto di governo: i punti caldi).

L'HASHTAG #IOSONONELCONTRATTO. Di Maio ha anche lanciato un hashtag, rapidamente salito in cima ai trending topic su Twitter: #IoSonoNelContratto. L'invito è a sentirsi parte «di questa ondata di cambiamento che sta per infrangersi sulle speranze di chi voleva che tutto restasse così com'era» (leggi anche: Governo, Di Maio e Salvini trattano sul nome del premier).

PIATTAFORMA SOVRACCARICA. La piattaforma Rousseau, a causa dell'elevato numero di accessi, risulta tuttavia sovraccarica e non difficilmente raggiungibile.

LA LEGA CRESCE NEI SONDAGGI. Il Consiglio Federale della Lega ha sostanzialmente condiviso la linea del contratto di governo con il Movimento 5 Stelle, in attesa del responso dei gazebo di sabato e domenica. Nella riunione non ci sarebbe stata una votazione formale, ma diversi partecipanti hanno comunque sottolineato con le loro «diverse sensibilità» le loro aspettative politiche. Lo si è appreso al termine dell'incontro. Di «clima disteso e positivo» ha parlato il responsabile comunicazione del partito, Alessandro Morelli. Intanto, secondo un sondaggio svolto da Swg tra il 9 e il 13 maggio, nelle intenzioni di voto degli italiani il M5s è stabile al 32,1%, mentre la Lega balza al 25,5%. Forza Italia crolla al 9,8%. mentre Fratelli d’Italia si attesta al 3,8%. Nell'ambito del centrosinistra, il Pd è in leggero recupero al 19%, Liberi e Uguali al 2,8%, +Europa all’1,8%, Potere al Popolo all’1,6%.

LE RIFORME PIÙ RICHIESTE. Emg ha invece sondato l'opinione degli italiani sulle riforme che ritengono prioritarie. Il 27,1% chiede di modificare le norme sul lavoro e sul Jobs Act, il 25% una riduzione della pressione fiscale e l'approvazione della flat tax. Il 16,7% vuole una modifica della legge Fornero, il 14,6% una maggiore regolamentazione dei flussi d’immigrazione, il 10,4% il reddito di cittadinanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso