Frecce 140602102811
31 Maggio Mag 2018 1619 31 maggio 2018

Cosa si festeggia il 2 giugno

Dall'omaggio del presidente al milite ignoto alle frecce tricolori fino all'apertura dei giardini del Quirinale. Il cerimoniale e le curiosità storiche della festa della Repubblica

  • ...

2 giugno 1946, il popolo è chiamato a scegliere: monarchia o repubblica? È da quel referendum che nasce la festa della Repubblica italiana. Fu la prima votazione a suffragio universale e la prima volta che anche le donne vennero chiamate alle urne. I risultati dello spoglio vennero resi noti il 10 giugno e il giorno successivo, il primo dell'Italia repubblicana, venne dichiarato festivo.

FESTA NAZIONALE DAL 1949. La prima celebrazione della festa della Repubblica italiana avvenne il 2 giugno 1947, ma divenne festa nazionale solo nel 1949. In quell'occasione si organizzò la prima parata in via dei Fori Imperiali a Roma e il presidente Luigi Einaudi passò in rassegna le forze armate e depose una corona di alloro sul monumento al Milite ignoto. Gli stendardi delle forze armate abbandonarono la formazione, percorsero la scalinata del monumento e resero omaggio al presidente con un inchino.

Perché la festa del 2 giugno è stata sospesa dal 1977 al 2001

Per contenere i costi statali e sociali, la festività fu sospesa nel 1977 e si decise di celebrarla la prima domenica di giugno. La Repubblica tornò ad essere festeggiata il 2 giugno nel 2001, per volere del presidente Carlo Azeglio Ciampi.

L'OMAGGIO AL MILITE IGNOTO. Il cerimoniale ufficiale prevede l'alzabandiera solenne all'Altare della Patria e l'omaggio di una corona d'alloro al Milite ignoto da parte del presidente della Repubblica alla presenza della massime cariche dello Stato: i presidenti del Senato, della Camera, del Consiglio dei ministri e della Corte costituzionale; ma anche del ministro e del capo di stato maggiore della Difesa.

FRECCE TRICOLORE E PARATA MILITARE. Dopo l'esecuzione dell'Inno di Mameli, le Frecce Tricolori attraversano i cieli di Roma. Il presidente passa poi in rassegna i reparti militari schierati e si reca sulla tribuna presidenziale in via dei Fori Imperiali dove assiste assieme alle più alte cariche dello Stato alla parata.

I GIARDINI DEL QUIRINALE. La cerimonia si conclude nel pomeriggio con l'apertura al pubblico dei giardini del Quirinale e con i concerti delle bande di tutti i corpi dell'esercito e della polizia. Cerimonie ufficiali si tengono anche su tutto il territorio nazionale e nelle ambasciate italiane in tutto il mondo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso