Beppe Grillo Matteo salvini sardegna
Politica
3 Agosto Ago 2018 0934 03 agosto 2018

Beppe Grillo finge di telefonare a Matteo Salvini dalla Sardegna

Il garante M5s "chiama" il ministro dell'Interno lanciando l'allarme immigrazione sull'Isola. Il video ironico postato in Rete. 

  • ...

Beppe Grillo, un ragazzo di colore in spiaggia che prende il sole su una sdraio e un video ironico sul ministro dell'Interno e alleato di governo Matteo Salvini. Il comico, nel bel mezzo delle polemiche su immigrazione e razzismo, pubblica un video su Facebook dalla Sardegna, che si apre con il garante del Movimento 5 stelle a fianco di un uomo di colore che si sta riposando.

GRILLO E LA FINTA TELEFONATA A SALVINI

«Salvini, è qua insinuato e sta dormendo sulla sdraio, se perdi il polso della situazione mica è colpa mia», dice il cofondatore del Movimento 5 stelle fingendo di telefonare all'inquilino del Viminale al momento su altri lidi, quelli romagnoli. «Qua sta avvenendo questo mischiarsi di cose che non era mai successo su questa spiaggia qua. Fai qualcosa, cosa fai a Milano Marittima, vieni qui in Sardegna e guarda cosa sta succedendo». E ancora: «È sulla sdraio e dorme, vado io a vendere adesso le borse?».

La situazione ti sta scappando di mano, Salvini dove sei?

Geplaatst door Beppe Grillo op Donderdag 2 augustus 2018

Poco dopo ecco la telecamera inquadrare il ragazzo di colore che si avvia verso il mare. «Salvini, va nell'acqua, si fanno il bagno così», continua Grillo, «non so se anche a Milano Marittima succede questo ma qua il fenomeno è incontenibile. Fai qualcosa o lo dico a Luigi, "bambini venite fuori dall'acqua per favore"», grida il comico che si ritrova in compagnia dello stesso ragazzo anche al bar della spiaggia. A quel punto garante M5s chiama ancora Salvini. «Bevono qui come noi al bar, ha ordinato una tonica...Fai qualcosa sennò chiamo Luigi, ma Luigi è buono», afferma Grillo che, nell'immagine finale della clip, saluta l'uomo e la bambina che sta con lui sorridenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso