Beppe Grillo Omeopatia
Politica
13 Agosto Ago 2018 2009 13 agosto 2018

Beppe Grillo contro i farmaci omeopatici

Il garante del M5s chiede alle farmacie di non venderli più perché «in queste ultime settimane abbiamo riflettuto molto sulla difficoltà a comprendere il significato della parola scientifico».

  • ...

«I medici di base e le farmacie rappresentano uno dei fari sempre fissi per il cittadino, sempre a rischio di perdersi fra le ciance infinite, le opinioni e i dibattiti: di fronte alle difficoltà che la malattia ed il disagio comportano non si devono, e non si possono, creare dubbi nella sua mente. Per questa ragione mi appello al Vostro Ordine e a tutti i professionisti che rappresentate: evitiamo che le farmacie continuino a confondere i cittadini con la vendita di prodotti omeopatici. I fortissimi dubbi sulla loro efficacia da parte del mondo scientifico sono di dominio pubblico». Così il fondatore e garante M5s Beppe Grillo sul suo blog dove esordisce: «In queste ultime settimane abbiamo riflettuto molto sulla difficoltà a comprendere il significato della parola scientifico da parte delle persone. È stato disorientante, preoccupante e quasi penoso, assistere ad una degenerazione del dibattito così profonda».

Secondo Barillari la politica deve decidere sulla scienza

Così interviene in prima persona, e in maniera piuttosto decisa, Davide Casaleggio. Quest'ultimo aveva scritto un post sul Blog delle Stelle di tutt'altro argomento. Ma alla fine, in un post scriptum, ha avvertito l'esigenza di aggiungere: "Il MoVimento 5 Stelle prende totalmente le distanze dalle dichiarazioni del consigliere regionale del Lazio Davide Barillari.

GRILLO CONTRO I GUARITORI

È pur vero, commenta Grillo, che «non dovremmo stupircene più di tanto se consideriamo la diffusione di trattamenti e metodologie diagnostiche al limite dell'assurdo. Basti pensare alla fiducia con cui molte persone si rivolgono ai cosiddetti guaritori». Per questo il fondatore del M5s si rivolge all'ordine dei farmacisti: «La certezza di trovare nell'Ordine dei Farmacisti Italiani una sponda di razionalità è quindi praticamente matematica. E' infatti difficile immaginare un laureato in farmacia che invita un paziente a rivolgersi ad un guaritore. Difficile che accada quanto illegale». Lo stesso per Grillo vale per l'omeopatia.

IL COMMERCIO DEI FARMACI OMEOPATICI INGANNA IL CITTADINO

«Senza permettermi un giudizio definitivo, l'omeopatia è stata più volte messa in discussione, sino a ripetuti quanto implacabili verdetti di inefficacia e inopportunità. Questo sia per quanto concerne la validità come opzione terapeutica che per la possibilità di un ritardo nell'approccio adeguato. Ritardo che potrebbe essere causato proprio dall'abuso di prodotti così a rischio di inefficacia e che, pur essendo in vendita in molte farmacie, farmaci non possono essere definiti. Non dimentichiamo che, proprio il loro commercio nelle farmacie potrebbe, per contiguità e similarità, contribuire a confondere il cittadino».

FIDUCIA NEL SERVIZIO SANITARIO LOCALE

Il garante M5s promuove invece il servizio sanitario nazionale: «Il nostro sistema sanitario è uno dei migliori al mondo, per affidabilità e livello di copertura nei confronti dei cittadini. Agli occhi del Ssn siamo tutti uguali nei diritti, indipendentemente da quale patologia ci ha colpiti. Ed è anche in nome di questa evoluzione che chiediamo la sospensione della vendita presso le farmacie italiane di prodotti senza che ne sia stata scientificamente comprovata l'efficacia». «Nell'augurare a tutti i farmacisti italiani buon ferragosto mi viene in mente l'uso, almeno preventivo, dell'acqua fresca: bagnarcisi la testa in queste estati sempre più afose», conclude ironicamente Grillo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso