Dibattista Salvini Prescrizione
Politica
7 Novembre Nov 2018 1918 07 novembre 2018

Il botta e risposta tra Di Battista e Salvini sulla prescrizione

Il pentastellato: «Vediamo se la Lega sta con l'Italia o con Arcore». La risposta: «Il contratto di governo non l'abbiamo fatto con Forza Italia».

  • ...

Scontro a distanza tra Alessandro Di Battista e Matteo Salvini sulla riforma della prescrizione, ferma alla Camera con la Giunta per il regolamento chiamata a decidere se il provvedimento può entrare oppure no nel disegno di legge anticorruzione, tramite l'emendamento messo a punto nelle commissioni dal M5s. Per i pentastellati si tratta di un segnale importante da dare alla base, specie dopo gli attacchi ricevuti per aver avallato la pace fiscale e la discussa norma sulle case di Ischia colpite dal terremoto, contenuta nel decreto Genova (leggi anche: Quali sono i numeri della prescrizione in Italia).

DI BATTISTA A GAMBA TESA DAL NICARAGUA

Ecco quindi che, con una diretta Facebook dal Nicaragua assieme alla compagna Sarah, torna a farsi vivo Dibba, interprete dell'anima più radicale del Movimento: «So che il M5s sull'anticorruzione deve essere molto molto duro, per me la prescrizione dovrebbe essere sospesa quando c'è il rinvio a giudizio e non dopo il primo grado, perché quest'istituto ha favorito solo i ladri in questo Paese. Bisogna capire da che parte sta la Lega, e si capisce su questa roba qua. Si capirà a breve se la Lega sta pensando un minimo al Paese o se l'unico paese a cui pensa è Arcore».

Un saluto #lorizzontelontano 💪😘🌎

Geplaatst door Alessandro Di Battista op Woensdag 7 november 2018

SALVINI RISPONDE CITANDO IL CONTRATTO DI GOVERNO

Pronta la replica di Matteo Salvini, ospite di Otto e mezzo su La7: «Di Battista? Lo invidio profondamente, perché si sta godendo la vita con la moglie e il figlio. La fiducia al decreto sicurezza l'ha votata il M5s e non Forza Italia. Di Battista è lontano, c'è il fuso orario. Noi, con il contratto di governo, abbiamo preso un impegno con i pentastellati, non con gli azzurri».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso