Def E Manovra
Def e manovra
Manovra Emendamenti Novita

Prima tranche di emendamenti: le novità della manovra

Mancano quota 100 e reddito di cittadinanza. Niente pensioni d'oro, ma Conte assicura che verranno tagliate. Flat tax al 15% per le partite Iva.

  • ...

Niente taglio delle pensioni d'oro, almeno per ora: la sforbiciata ci sarà - assicurano da Palazzo Chigi - ma arriverà più avanti, forse addirittura al Senato. E bisognerà aspettare anche per gli annunciati interventi su quota 100 e reddito di cittadinanza. Ma le novità introdotte dal passaggio parlamentare sono comunque molte: dalle nuove regole per l'imposta sulla casa a quelle sulla maternità. E la notte del 4 dicembre, dopo che le opposizioni hanno abbandonato i lavori in commissione al bilancio della Camera, la manovra ha avuto ufficialmente via libera per arrivare in Aula. I relatori Silvana Comaroli e Raphael Raduzzi per riferire in Aula su un maxiemendamento visto che il governo si è già riservato la possibilità di porre la fiducia sul testo. Il testo è atteso all'esame dell'assemblea di Montecitorio a partire da mercoledì alle 20. Probabile che la richiesta di fiducia arrivi giovedì 6 dicembre. Ecco intanto tutte le modifiche arrivate dalla Camera dei deputati.

NIENTE PIÙ SCONTI ALLE FAMIGLIE NUMEROSE SE DI IMMIGRATI

Niente più carta sconti per le famiglie di immigrati. L'emendamento della Lega sulla famiglia, approvato tra le modifiche alla manovra, limita la platea dei destinatari della carta istituita nel 2016 per famiglie italiane o "straniere" residenti in Italia alle sole famiglie italiane "ovvero appartenenti a Paesi membri dell'Ue". Rispetto alla norma precedente rimane il vincolo dei tre figli a carico, ma viene alzato il limite di età da 18 a 26 anni. Scompare anche il riferimento all'Isee per definire le modalità di rilascio affidate ad un Dpcm.

SMART WORKING: PRIORITÀ A MAMME CON BIMBI PICCOLI E DISABILI

Nello stipulare accordi di lavoro 'agile' (senza vincoli di orari o di luogo) i datori di lavoro dovranno dare priorità alle richieste in arrivo da mamme con figli sotto i tre anni e da genitori di figli disabili. L' emendamento presentato dalla Lega prevede che la Carta per la famiglia (con sconti e riduzioni tariffarie per i nuclei con più di tre figli a carico) sia distribuita fino ai 26 anni dei figli e non più fino ai 18. Il costo stimato è di 1 milione di euro l'anno a valere sul Fondo per la famiglia

BONUS CULTURA VINCOLATO ALL'ISEE

Gli stanziamenti a favore della card cultura dei 18enni scendono ulteriormente da 270 a 230 milioni (dai 290 milioni precedenti). Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio che inserisce l'Isee tra i criteri per definire la platea dei destinatari. I 40 milioni sottratti al bonus saranno distribuiti ad altre attività culturali: dal Fondo unico per lo spettacolo al sostegno di festival, cori e bande, dalle fondazioni lirico-sinfoniche a Matera, da iniziative culturali in zone terremotate alla riqualificazione delle periferie.

CONFERMATO L'AUMENTO DELLA TASI

Confermata la maggiorazione Tasi nei comuni che dal 2015 l'hanno già applicata. L'aliquota potrà essere mantenuta allo stesso livello individuato fino a quest'anno, cioè ad un massimo dello 0,8 per mille in più dell'aliquota ordinaria, rimanendo in comuni come Roma e Milano all'11,4 per mille anziché al 10,6 per mille.

350 MILIONI IN TRE ANNI PER TAGLIARE LE LISTE DI ATTESA

Salgono da 50 a 150 milioni di euro per il 2019 e da 50 milioni a 100 milioni per ciascuno degli anni 2020 e 2021, gli stanziamenti in manovra per l'implementazione e l'ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche di prenotazione elettronica per l'accesso alle strutture sanitarie, finalizzati alla riduzione delle liste d'attesa. E' quanto prevede un emendamento dei relatori approvato in commissione Bilancio della Camera. Per il solo 2020, il decreto fiscale prevede una simile autorizzazione di spesa pari a 50 milioni, approvata durante l'esame al Senato. Lo stanziamento complessivo per l'anno arriva così a 150 milioni di euro, lo stesso importo del 2019.

DIMEZZATA L'IMU PER LA CASA DATA AI PARENTI IN COMODATO D'USO

Il taglio del 50% della base imponibile Imu per le case date in comodato d'uso a parenti in linea retta si estende anche al coniuge del "comodatario" (chi ha ricevuto l'immobile in comodato) in caso di morte di quest'ultimo, qualora ci siano figli minori. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione e a prima firma Stefano Fassina (LeU). Secondo quanto spiegano i tecnici della Camera, la riduzione della base imponibile si dovrebbe applicare anche alla Tasi. Nel complesso la misura costa 500 milioni all'anno dal 2019 e viene coperta utilizzando le risorse del Fondo per l'attuazione del programma di governo

CONCESSIONE PER IL SUPERNALOTTO ESTESA DI UN ANNO

Superenalotto, superstar, sivincetutto, Eurojackpot, winforlife. Si allunga di un anno (comunque non oltre il 30 settembre 2019) il diritto di Sisal di gestire i "giochi numerici a totalizzatore nazionale", in attesa dell'assegnazione di una nuova concessione. Lo stabilisce un emendamento del governo alla manovra approvato in commissione. Prevista anche una gara per l'attribuzione di 210 concessioni di gioco per la raccolta del Bingo nonché più tempo per il rilascio dei nulla osta per i vecchi apparecchi con vincita in denaro. Prorogate anche le concessioni e la titolarità dei punti di raccolta per le scommesse relative agli eventi sportivi, anche ippici, e non sportivi. e maggiori entrate, quasi 71 milioni, si aggiungono al "fondo per l'attuazione del programma di governo". (ANSA).

SÌ ALLA CIRCOLAZIONE SU STRADA DEI PICCOLI VEICOLI ELETTRICI

È passato alla Camera in Commissione bilancio un emendamento alla legge di bilancio, sostenuto da Legambiente, che apre alla micro-mobilità elettrica nelle città. Con l'emendamento viene autorizzata la sperimentazione della circolazione su strada di piccoli veicoli a propulsione elettrica, come segway, hoverboard e monopattini. Lo rende noto Legambiente con un comunicato.

MATERNITÀ: SÌ AL LAVORO FINO ALLA FINE E 5 MESI DI CONGEDO

Cambia con la manovra il congedo per le neomamme lavoratrici. Chi vorrà (con via libera del medico) potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi 'in dote' l'intero periodo di astensione di 5 mesi a dopo il parto. E' quanto prevede un emendamento della Lega dedicato alle politiche delle famiglia approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Il nuovo sistema viene proposto come 'alternativa' all'attuale, che impone invece l'obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino.

30 MILIONI L'ANNO PER IL CNR

Via libera in nottata in commissione Bilancio della Camera allo stanziamento di 30 milioni l'anno per 10 anni - dal 2019 al 2028 - a favore del Cnr «per il perseguimento efficace delle attività istituzionali di ricerca». Approvati anche una serie di emendamenti che autorizzano assunzioni e riorganizzazione del personale all'Accademia della Crusca (3 nuovi posti non dirigenziali), al ministero dell'Economia (per sostenere la programmazione degli investimenti pubblici e la valutazione della fattibilità e della rilevanza economico-finanziaria dei provvedimenti normativi), al ministero dei Beni culturali e all'Autorità per l'Energia.

BONUS NIDO SALE A 1.500 EURO L'ANNO

Aumenta da 1.000 a 1.500 euro l'anno il bonus per l'iscrizione agli asili nido pubblici o privati. La misura nata con la legge di bilancio 2017 viene estesa con l'incremento fino al 2021. Lo prevede un emendamento della Lega dedicato alla famiglia approvato dalla Commissione bilancio della Camera. A partire dal 2022 sarà invece un Dpcm a determinare l'importo, comunque non inferiore a 1.000 euro su base annua.

4MILA ASSUNZIONI PER I CENTRI DELL'IMPIEGO

Via libera della commissione Bilancio della Camera a diversi emendamenti del pacchetto di relatori e governo alla manovra, che vanno dalla norma contro i 'furbetti' della flat tax per gli autonomi al taglio dell'Imu sui capannoni. Approvata anche la proposta di 4mila assunzioni per i centri per l'impiego, propedeutiche all'introduzione del reddito di cittadinanza.

TAGLIATA DI UN CENTESIMO L'ACCISA SULLA BIRRA

Arriva un taglio di un centesimo dell'accisa sulla birra. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio che prevede dal 2019 l'accisa sia non a 3 euro ma a 2,99 ad ettolitro. Con lo stesso emendamento si taglia anche del 40% l'accisa per i micro-birrifici che hanno una produzione fino a 10mila ettolitri, come i birrifici artigianali

INCENTIVI PER I SEGGIOLINI ANTI ABBANDONO

Arriva un milione di euro per il 2019 per incentivare l'acquisto di seggiolini con dispositivi anti-abbandono. Lo prevede un emendamento di Fdi alla legge di bilancio, approvato in commissione Bilancio alla Camera.

INCENTIVI FINO A 6MILA EURO PER L'ACQUISTO DI AUTO

Arrivano con la manovra incentivi fino a seimila euro per l'acquisto di auto elettriche, ibride o piccole auto a metano o diesel. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera, che introduce contestualmente anche una tassa per chi invece acquista auto inquinanti. La tassa, dai 150 ai 3000 euro, è proporzionale al livello delle emissioni.

SALE A CINQUE GIORNI IL CONGEDO OBBLIGATORIO PER I PAPÀ

Sale a cinque giorni, nel 2019, il congedo obbligatorio per i papà. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera. Viene prorogata anche la possibilità di astenersi dal lavoro un ulteriore giorno in sostituzione della madre.

IVA AL 10% PER SPA E MASSAGGI, NIENTE SCONTI SUI PANNOLINI

Niente taglio dell'Iva per pannolini e assorbenti: la commissione Bilancio della Camera ha bocciato un emendamento a prima firma Francesco Boccia (Pd) che portava l'aliquota dell'Iva al 5% per «latte in polvere e liquido per neonati, prodotti alimentari per l'infanzia, pannolini, assorbenti». La maggioranza che aveva presentato un analogo emendamento ha ritirato la proposta di modifica. Un altro emendamento, riformulato dai relatori e presentato dal gruppo delle Autonomie, prevede che alle prestazioni rese ai clienti degli alberghi, come pacchetti di massaggi o per il benessere del corpo come le Spa, si applichi l'Iva agevolata al 10% anziché l'aliquota ordinaria.

IL TETTO DEL CONTANTE PER GLI STRANIERI SALE A 15 MILA EURO

Il tetto all'utilizzo del contante per tutti i turisti stranieri (europei ed extraeuropei) sale a 15 mila euro. Lo prevede un emendamento alla manovra presentato da FdI ed approvato in commissione Bilancio della Camera. L'emendamento fa salire l'importo dai precedenti 10 mila euro ed amplia la platea, fino ad oggi limitata ai turisti non appartenenti all'Unione europea. I contanti potranno essere spesi in servizi turistici e commercio al dettaglio.

FINO A 10 MILIONI PER LE VITTIME DI USURA

Via libera della commissione Bilancio all'introduzione di livelli minimi e massimi per l'indennizzo delle vittime di reati violenti e assegna 10 milioni l'anno fino al 2021 per le vittime di usura. «Per le vittime di reati violenti», aggiunge l'emendamento, «l'indennizzo per ciascun avente diritto è del 50% dell'importo liquidato dal giudice con un tetto massimo di 50 mila euro. L'indennizzo sarà corrisposto nella misura di 40 mila euro nel caso risulti ignoto l'autore del reato o nel caso non sia stata chiesta una provvisionale in sede penale».

CARTA DI IDENTITÀ ELETTRONICA ANCHE ALLE POSTE

La carta d'identità elettronica potrà essere richiesta anche alle Poste con l'obiettivo di accelerare le procedure laddove risultino ritardi di mesi (come a Roma). Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio. Il Viminale potrà stipulare convenzioni «con soggetti dotati di una rete di sportelli diffusa su tutto il territorio nazionale che siano Identity provider e che abbiano la qualifica di certification authority accreditata dall'Agenzia per l'Italia digitale». In pratica Poste, spiega il sottosegretario Massimo Garavaglia.

L'emendamento Varrica, inteso a tagliare i fondi all'editoria, è stato ritirato in commissione Bilancio alla Camera

SALTANO I TAGLI ALL'EDITORIA

L'emendamento Varrica, inteso a tagliare i fondi all'editoria, che avrebbe portato alla chiusura dei giornali della minoranza slovena, tra cui il quotidiano Primorski dnevnik, è stato ritirato nella notte in commissione Bilancio alla Camera. Esultano Fnsi e Cnog: «Bene il ritiro, ma la battaglia continua. Il ritiro dell'emendamento alla legge di Bilancio che prevedeva l'azzeramento di fatto del fondo per l'editoria è una buona notizia. Adesso occorre continuare a lavorare per far sì che il tema venga definitivamente tolto dal tavolo». Secondo il sottosegretario all'Editoria Vito Crimi l'emendamento è stato ritirato in quanto «sarà ripresentato al Senato perché c'è bisogno sul tema di un ulteriore approfondimento».

COME POTREBBE CAMBIARE "QUOTA 100"

Secondo il Corriere la questione previdenziale potrebbe essere risolta con un pensionamento a 64 anni di età e 40 di contributi. Una misura valida solo per chi ha maturato da almeno due anni la fantomatica quota 100 (62 anni di contributi e 38 di contribuzione) al 31 dicembre 2018. La soluzione, ha scritto il quotidiano di via Solferino, arriverebbe da una proposta di Alberto Brambilla, consulente del vice premier Matteo Salvini. L'idea del consulente è quella di creare degli scaglioni per evitare un affollamento e una pioggia di domande all'Inps. Il primo scaglione, chi ha maturato il requisito da due anni, dovrebbe andare in pensione a marzo. Un secondo, chi li ha maturati da almeno 18 mesi, ma non più di 24, dovrebbe andare in estate. I restanti scaglioni dovrebbero poi andare tra il 2019 e 2020 in modo da esaurire la platea. Certo alla fine gli ultimi lavoratori potrebbero andare con quota 104, dato che dopo aver maturato i requisiti devono aspettare circa due anni per la pensione aggiungendo alla quota altri quattro anni, due di età e due di contribuzione.

GIÀ PRESENTATE 54 PROPOSTE DI MODIFICA ALLA MANOVRA

Sono in tutto 54 le proposte di modifica alla manovra presentate dal governo e dai relatori, a cui dovrebbero aggiungersene altre nelle prossime ore, e rappresentano in gran parte interventi settoriali. Tra le misure che ancora mancano all'appello il pacchetto famiglia e il taglio delle tariffe Inail. Ecco le novità principali.

AUMENTANO LE SANZIONI PER LAVORO "IRREGOLARE"

I membri della Commissione Bilancio della Camera del M5S hanno annunciato l'aumento delle sanzioni per violazioni in materia di lavoro «in una misura che va dal 10% al 20%». In base a quanto previsto da un emendamento alla manovra approvato il 3 dicembre, «se un datore di lavoro nei tre anni precedenti è stato oggetto di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti, le maggiorazioni sono raddoppiate». La stessa modifica consente all'Ispettorato nazionale del lavoro di assumere 300 lavoratori nel 2019, 300 nel 2020 e 330 nel 2021.

I RIMBORSATI PER I CRAC BANCARI POSSONO ANCORA FARE CAUSA

Il ministro Riccardo Fraccaro ha annunciato che «il governo mantiene le promesse: nella legge di bilancio è stato inserito un emendamento che consentirà ai cittadini truffati di fare causa agli istituti di credito anche se otterranno il risarcimento». «Abbiamo istituito un fondo da 1,5 miliardi per i truffati», ha aggiunto. «In Senato», ha concluso presenteremo le altre norme per una riforma organica della questione, dando risposta alle istanze dei cittadini vittime delle banche e delle commistioni malsane con la politica».

I SOLDI PER CURARE GLI STRANIERI? POSSONO ESSERE SPESI ALTROVE

Dal 2019 le Regioni potranno spendere anche per altri scopi i fondi finora vincolati a garantire l'assistenza sanitaria agli stranieri non iscritti al Servizio sanitario nazionale. È quanto emerge da un emendamento dei relatori alla legge di bilancio. La norma dispone infatti che i 30,99 milioni ad oggi «vincolati» all'assistenza agli immigrati dal 2019 «confluiscono nella quota indistinta del fabbisogno sanitario standard nazionale» e sono ripartiti tra le Regioni secondo criteri e modalità «in materia di costi standard». I deputati del MoVimento 5 Stelle della commissione Affari sociali hanno precisato come «non ci sia nessuna volontà di sottrarre o ridurre i fondi per curare gli stranieri non iscritti al Servizio sanitario nazionale. Con un emendamento alla legge di Bilancio, semplicemente, rispondiamo a una richiesta avanzata già diverso tempo fa da tutte le Regioni, che chiedevano di non perdere risorse nel caso in cui non venissero utilizzate per il fine preposto. Così facciamo in modo che la quota non spesa possa entrare nel fabbisogno sanitario standard nazionale e servire comunque per i livelli essenziali di assistenza e per le cure di tutti».

STRETTA SUGLI SPOT DI STRUTTURE E PROFESSIONI SANITARIE

Arriva una stretta contro la pubblicità scorretta in sanità. La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento firmato dai deputati della Lega della commissione Affari sociali che impone l'esclusione di «qualsiasi elemento di carattere promozionale o suggestionale» dagli spot di strutture sanitarie private e «degli iscritti agli albi dei relativi ordini delle professioni sanitarie», comprese le società di odontoiatri. Possibile solamente indicare gli elementi "funzionali" a garanzia della sicurezza dei trattamenti sanitari.

UN MILIONE IN PIÙ ALLE FAMIGLIE VITTIME DI INFORTUNI SUL LAVORO

Arriva un milione di euro l'anno in più per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro. Lo prevede un emendamento alla manovra a prima firma Schullian approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Le risorse aggiuntive, a partire dal 2019, andranno ad alimentare il Fondo a sostegno delle vittime di gravi infortuni istituito nel 2006.

IPER AMMORTAMENTO SUGLI INVESTIMENTI FINO A 2,5 MILIONI

Aumentare l'iper-ammortamento per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro al 280%: è quanto prevede un emendamento dei relatori, presentato in occasione dell'esame della legge di bilancio alla Camera che stabilisce un incremento del 180% da sommare all'ammortamento del 100% sui beni ad alta tecnologia già esistente. La misura deve essere ancora votata. Con un subemendamento a firma dei 5S, anche il movimento chiede che la percentuale sia rivista ma fissando il tetto al 270%.

IMU CAPANNONI

Il taglio dell'Imu sui capannoni raddoppia: sale dal 20% al 40% la deducibilità dell'Imu ai fini Ires e Irpef. La misura costa 290 milioni nel 2020, circa 166 dal 2021.

CENTRI PER L'IMPIEGO

Dal 2019 le Regioni potranno assumere fino a 4000 persone per i centri per l'impiego. Servono 120 milioni nel 2019 e 160 mln dal 2020.

LISTE D'ATTESA SANITÀ

Nel 2019 triplicano i fondi per tagliare le liste d'attesa: sono 150 milioni. Più risorse anche nel 2020 e 2021.

"FURBETTI" FLAT TAX

La flat tax al 15% per le partite Iva non vale per le "persone fisiche se l'attività è esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro" con i quali si è lavorato "nei due anni d'imposta precedenti".

SUPERENALOTTO

Superenalotto, superstar, sivincetutto, Eurojackpot, winforlife. Si allunga di un anno il diritto di Sisal di gestire i "giochi numerici a totalizzatore nazionale". Prorogati anche Bingo e Scommesse sportive.

SICUREZZA URBANA

Venticinque milioni in più dal 2019 per il riordino dei ruoli e delle carriere del personale delle Forze di polizia e delle Forze armate, comprese le Capitanerie.

FORMAZIONE 4.0 AZIENDE

Per le micro e piccole imprese il voucher per la consulenza "4.0" per l'innovazione digitale, copre il 50% dei costi sostenuti per un massimo di aiuto in 40mila euro. Per le medie imprese invece il contributo copre il 30% dei costi per un limite massimo di 25mila euro.

RIVALUTAZIONE BENI

Le imprese che non applicano i principi contabili possono rivalutare i beni di impresa.

ASSUNZIONI

Arrivano venti nuovi dirigenti al Ministero dell'economia per la programmazione di investimenti; venti assunzioni, tra avvocati e procuratori, per l'Avvocatura dello Stato; 57 nuove assunzioni per combattere le frodi e per proteggere il "made in Italy" del settore agroalimentare.

PICCOLE FARMACIE E FARMACI

Spuntano agevolazioni per le piccole farmacie, ovvero quelle a "basso fatturato". Dal primo gennaio l'Aifa potrà rinegoziare il prezzo dei farmaci quando vi siano state variazioni di mercato.

ARRIVANO CATASTO DELLA FRUTTA E AIUTI A APICOLTURA

Due milioni a favore dell'apicoltura. E cinque milioni in due anni per la nascita del Catasto frutticolo nazionale.

FONDI PER LA RICERCA SUL CERVELLO E BIOTESTAMENTO

Tre milioni per la fondazione European Brain Research Institute, per la ricerca tra l'altro contro l'Alzheimer. Dal 2019, 400 mila euro l'anno per la Dat.

FONDO RICERCA E ACCADEMIA CRUSCA

Arrivano trenta milioni l'anno dal 2019 al 2028 per il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e tre assunzioni all'Accademia della Crusca.

SCUOLA NORMALE MERIDIONALE

La Normale di Pisa sbarca a Napoli per rafforzare la partecipazione dell'Italia alla formazione post-laurea.

SCONTI FISCALI FINO A MILLE EURO PER I CANI GUIDA

Arriva una detrazione "forfettaria" di 1.000 euro per sostenere le spese «dei non vedenti per il mantenimento dei cani guida». L'emendamento è stato corretto nel corso della seduta facendo in modo, secondo quanto affermato, che la detrazione valga per il 2019 e anche per il 2020.

Aggiornato il 04 dicembre 2018 2 Dicembre Dic 2018 2129 02 dicembre 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso