Def E Manovra
Def e manovra
manovra-navigator-immigrati-congedi-bonus-cultura tria borghi
Politica
5 Dicembre Dic 2018 1640 05 dicembre 2018

Gli ultimi emendamenti alla manovra

Via libera alla proposta di escludere gli immigrati dalla carta sconti. Calano i fondi per il bonus cultura. Future mamme se vogliono al lavoro fino al nono mese.

  • ...

Dal congedo di paternità a quello delle neomamme fino ai navigator da assumere nei centri per l'impiego. Sono tra gli ultimi emendamenti approvati in attesa della presentazione della manovra la sera del 5 dicembre.

IMMIGRATI ESCLUSI DALLA CARTA FAMIGLIA

Tra le misure, è passata anche la proposta della Lega di togliere la carta sconti alle famiglie di immigrati. L'emendamento limita la platea dei destinatari della carta istituita nel 2016 per i nuclei italiani o "stranieri" residenti in Italia alle sole famiglie italiane «ovvero appartenenti a Paesi membri dell'Ue». Rispetto alla norma precedente rimane il vincolo dei tre figli a carico, ma viene alzato il limite di età da 18 a 26 anni. Scompare anche il riferimento all'Isee per definire le modalità di rilascio affidate a un Dpcm.

CONGEDO DI MATERNITÀ: SÌ AL SISTEMA ALTERNATIVO

Novità in vista anche per i congedi di maternità e paternità. Le donne che lo vorranno (con via libera del medico) potranno rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi 'in dote' l'intero periodo di astensione di cinque mesi a dopo il parto. Il nuovo sistema viene proposto come 'alternativa' all'attuale, che impone invece l'obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino. Il congedo di paternità invece, ha spiegato il vicepremier Luigi Di Maio, è passato da quattro a cinque giorni.

TAGLIO AL BONUS CULTURA

Gli stanziamenti a favore della 'card cultura' dei 18enni scendono ulteriormente da 270 a 230 milioni (dai 290 milioni precedenti). Lo prevede un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio che inserisce l'Isee tra i criteri per definire la platea dei destinatari. I 40 milioni sottratti al bonus saranno distribuiti ad altre attività culturali: dal Fondo unico per lo spettacolo al sostegno di festival, cori e bande, dalle fondazioni lirico-sinfoniche a Matera, da iniziative culturali in zone terremotate alla riqualificazione delle periferie.

FONDO PER IL DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Approvato anche l'emendamento del Movimento 5 stelle che prevede un incremento di 10 milioni al Fondo per il diritto al lavoro dei disabili per il 2019.

DI MAIO E I NAVIGATOR

La platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza ammonterà a 5 milioni di persone. Lo ha detto Di Maio a Porta a Porta il 4 dicembre. Il ministro ha spiegato che nei centri per l'impiego prevederanno «la figura del navigator» che «si prenderà in carico» la persona in cerca di lavoro «lo formerà e lo orienterà in modo che l'azienda lo possa assumere sena doverlo formare». «La formazione», ha spiegato, «non necessariamente deve essere formata nei centri per l'impiego; può esserlo in un centro privato, in una azienda. L'importante è che la persona che orienta il disoccupato venga pagato in base al numero delle persone orientate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Correlati
Potresti esserti perso